Pubblicato il da Giuseppe "Pidduv" Messineo

Entro la fine di gennaio verranno aperti i primi tavoli da gioco franco-spagnoli. La conferma è arrivata direttamente dall'Autorité de Régulation des Jeux En Ligne (ARJEL), oramai pronta a mettere in atto quanto stabilito dall’accordo, firmato a Roma lo scorso 6 luglio, sulla liquidità condivisa.

 

Francia e Spagna permetteranno ai propri giocatori di partecipare alle prime partire internazionali di poker online. A cancellare gli ultimi dubbi è stata direttamente l'Autorité de Régulation des Jeux En Ligne (ARJEL) che ha annunciato che gli operatori in possesso di licenze di gioco statali rilasciate dai due paesi potranno offrire poker online agli utenti su tavoli e tornei franco-spagnoli.

Così, a sei mesi di distanza dall’accordo firmato a Roma lo scorso 6 luglio, la liquidità condivisa diventerà una dolce reatà. Entro un paio di settimane infatti potrebbero essere completate le ultime procedure per dare il via al lancio ufficiale.

Intanto l'ente che regola il gioco a distanza per la Spagna, la Dirección General de Ordenación del Juego (DGOJ), ha fatto sapere che si attende soltanto la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Una volta espletata anche questa formalità gli operatori potranno cominciare ad offrire il loro prodotto.

Adesso all'appello mancano solo Italia e Portogallo, entrambe in grandissimo ritardo. Una situazione purtroppo già conosciuta e che sembra destinata a durare ancora parecchio tempo. In questo senso non sono buone le notizie che filtrano dall'Agenzia delle dogane e dei monopoli, impegnata al momento in altre problematiche.

Un brutto segnale soprattutto se si pensa alla fase di stallo in cui il nostro Governo si appresta ad entrare in attesa delle prossime ed importantissime elezioni.