Pubblicato il da Giuseppe "Pidduv" Messineo

Il sottosegretario di Stato al Ministero dell’Economia e delle Finanze con delega ai giochi ha confermato che anche in Italia arriverà la liquidità condivisa. Bisognerà aspettare ancora qualche mese ma verranno rispettati gli accordi firmati il 6 luglio.

 

E' caduto il muro di silenzio che si era creato attorno alla liquidità condivisa. Sull'argomento è infatti intervenuto Pier Paolo Baretta, sottosegretario di Stato al Ministero dell’Economia e delle Finanze con delega ai giochi che ai colleghi di Gioconews ha dichiarato: "Sulla liquidità c’è un accordo internazionale e quindi verrà rispettato. C’è una verifica che è in atto sulle modalità applicative."

Si dovrà quindi aspettare ancora qualche mese prima di avere delle buone nuove dal Governo. Intanto sono stati cancellati gli ultimi dubbi ed è praticamente ufficiale che l'Italia si unirà a Francia e Spagna per proporre una piattaforma di gioco unica. Adesso si dovranno studiare le modalità con cui il nuovo Governo, post votazioni, darà il via alle prime partite internazionali di poker online.

Finalmente una buona notizie per un mercato, quello del poker online, perennemente in crisi dopo il boom di qualche anno fa.

Ma le parole di Baretta faranno piacere anche alle altre nazioni firmatarie dell'accordo. Del resto non è un segreto che senza l'Italia la liquidità internazionale ha poco senso, soprattutto se si pensa al bacino d'utenza molto limitato della Spagna.

Per ulteriori aggiornamenti restate sintonizzati sulla nostra home.