Pubblicato il da Giuseppe "Pidduv" Messineo

Brutte notizie dai primi dati del nuovo anno sul poker online made in Italy. Il cash game si è confermato purtroppo in caduta libera con un pesantissimo -9,4% rispetto a 12 mesi prima. Male anche i Tornei con un -1,1%.

 

Sono arrivati i primi numeri ufficiali sulla raccolta del gioco online italiano. Per quanto riguarda il poker online è stata confermata la tendenza degli ultimi anni con il cash game sempre più in difficoltà. Questa modalità di gioco ha infatti registrato una spesa da appena 6,7 milioni di euro con un -9,4% tendenziale rispetto a 12 mesi prima.

Non è andata bene nemmeno con i Tornei, che a gennaio hanno fatto segnare entrate per 8,7 milioni di euro. Un dato in calo dell’1,1% se confrontato con quello del 2017.

Semaforo verde invece, come si legge su Agimeg, per i casino virtuali che, con una spesa di quasi 60 milioni di euro a gennaio, mettono a segno un incredibile +30,4% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Buone notizie anche per il bistrattato bingo online, con i circa 3 milioni di euro spesi nel primo mese dell’anno (+3,1%).

Insomma, mentre tutti i giochi crescono esponenzialmente il poker online si avvia sempre di più verso l'oblio.

Cosa succederà al poker online italiano?
Cosa succederà al poker online italiano?


A questo punto diventa sempre più importante la liquidità condivisa, una soluzione che potrebbe dare nuova linfa ad un movimento più che mai in difficoltà. Intanto si continua a lavorare, sulle problematiche tecniche da adottare, per rendere possibili il lancio delle prime partite internazionali con giocatori francesi, spagnoli e portoghesi.

In questo senso si attendono novità già nei prossimi mesi.