Pubblicato il da Giuseppe "Pidduv" Messineo

Non va per niente bene! Il poker cash game è sempre più in crisi, come confermano i dati di agosto. La spesa è stata infatti di circa 4,8 milioni di euro, il 6,9% in meno rispetto allo stesso mese del 2017.

 

Continua la crisi del poker cash game online italiano. Anche ad agosto questo particolare settore ha fatto registrare, con una spesa da circa 4,8 milioni di euro, un pesante calo (-6,9%) rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Numeri praticamente stabili per il poker in modalità torneo, dove i giocatori italiani hanno speso quasi 5,6 milioni di euro.

Un dato in lieve diminuzione se confrontato ai 5,9 milioni di euro di agosto 2017. Altro mese in positivo invece per i giochi da casinò online che, con una spesa di 56,5 milioni di euro, hanno registrato una crescita del 26% rispetto ai 44,8 milioni di dodici mesi fa.

Nei primi 8 mesi del 2018, si legge su Agimeg, solo il poker cash game ha comunque fatto segnare un calo nella spesa complessiva che è stata di 44,1 milioni di euro contro i 46 milioni di agosto 2017. Il poker a torneo è rimasto invariato (circa 55 milioni spesi ad agosto 2018 contro i 54,7 dello scorso anno), mentre i casinò games sono cresciuti di 100 milioni di euro, passando dai 358,2 milioni spesi ad agosto dell’anno scorso ai 458,8 dello scorso mese.

Insomma, la tendenza è la stessa degli ultimi due anni con il cash game che ha sicuramente bisogno di interventi.

I dati di agosto dei giochi online
I dati di agosto dei giochi online


In questo senso resta sempre una chimera la liquidità condivisa che tanto bene sta facendo all'online francese, spagnolo e portoghese. Mentre tutti vanno avanti, l'Italia resta come sempre al palo con un mercato che è oramai vicino al collasso!