Pubblicato il da Giuseppe "Pidduv" Messineo

Sono appena arrivati i dati del poker online 'made in Italy' per il mese di settembre. Purtroppo sia la modalità torneo che il cash game hanno fatto registrare pesanti cali. Ecco i numeri...

 

Un altro mese in rosso per il poker online italiano. A settembre è andata particolarmente male anche la modalità torneo che ha fatto registrare un calo netto dell’11%. La spesa è stata infatti di 6,1 milioni di euro contro i circa 6,9 milioni spesi a settembre dello scorso anno. In tutto, nei 9 mesi del 2018, si sono spesi poco più di 61 milioni di euro, un dato al ribasso rispetto ai 61,5 milioni dei primi nove mesi del 2017.

Ma il peggio arriva con il cash game, dove il calo è ancora più evidente. A settembre, come si legge su Agimeg, questo segmento ha segnato una spesa di circa 4,9 milioni di euro, con un decremento del 18% rispetto agli oltre 5,9 milioni di settembre 2017. Da gennaio a settembre il poker cash ha registrato una spesa totale di 49 milioni di euro, in calo del 5,8% rispetto ai circa 52 milioni dello stesso periodo dello scorso anno.

In controtendenza invece i casino online, che hanno fatto segnare una spesa di 58,7 milioni di euro, in aumento del 16,8% rispetto ai 50,2 milioni di settembre 2017. La crescita sale al 26,7% analizzando i primi 9 mesi dell’anno: 517,5 i milioni spesi nel 2018, contro i 408,4 del 2017.

Insomma la musica non cambia, anzi va sempre peggio! E del resto visto quello che sta succedendo in Italia non si poteva aspettare altro che un lento e triste declino.

Crisi pesante per tornei e cash game
Crisi pesante per tornei e cash game


Intanto la liquidità condivisa continua a far bene all'online francese, spagnolo e portoghese. E così mentre tutti vanno avanti, l'Italia resta come sempre al palo con un mercato sempre più vicino al collasso!