Pubblicato il da Tiberio "Boss" Redaelli

chi gioca nelle room.com?Non è stato facile scrivere questo editoriale, perché l'argomento che affronterò sicuramente farà discutere tutti i giocatori di poker ma non  solo, e magari aiuterà ad aprire una discussione sul poker online italiano.





Moltissimi giocatori di poker italiani, sono stanchi di giocare a online esclusivamente nelle poker room .it, che lo stato ha deciso di legalizzare e diffondere in modo massiccio in tutta la penisola, con lo scopo di promuovere questo gioco e naturalmente d'incassare il 3% di tasse.

Inoltre, le poker room italiane e i marchi piu' importanti del settore, credo siano stanchi e sfiduciati difronte a tutte le regole e i laccioli che questo poker italiano ogni giorno riserva a loro, cambi continui di programmi (vedi la questione poker cash, variante di gioco più volte annunciata ma ad oggi mai partita nelle room online.it) e sopratutto un mercato troppo piccolo, che dopi soli due anni dalla propria nascita è praticamente gia saturo di poker room e ha quasi raggiunto il livello massimo di giocatori iscritti.


poker club una delle room italiane
Una delle tante sale presenti nel poker italiano


Ogni giocatore italiano di media possiede almeno 5 conti aperti, in altrettante poker room, e in questo momento le sale da poker si contendono non i nuovi giocatori che non hanno mai fatto una partita a poker, ma bensì, cercano di "strapparsi" giocatori esistenti tra le varie skin o network.

E' impensabile che un mercato piccolo come quello italiano, possa sostenere oramai oltre 100 skin e sei network dedicati esclusivamente al nostro mercato, i risultati con il passare dei mesi saranno sempre più evidenti, dopo i primi due anni di forte crescita il mercato inizierà prima ad avere stabilizzazione per poi iniziare una leggera decrescita, e si inizerà a capire realmente cosa significa operare esclusivamente in un mercato "piccolo" come il nostro e non avere la possibilità di attingere ad un bacino più elevato di giocatori provenienti da tutto il mondo, che alimenterebbe di molto non solo le casse dello stato ma anche quelle delle room.


poker online
Oltre 100 skin sono presenti in Italia


E' ovvio che chi sorride non sono certo le poker room italiane che stanno ora iniziando a capire che queste "barriere" erette alla concorrenza estera sono state un toccasana alla nascita del poker.it, perché hanno aiutato i marchi italiani a crescere, ma ora sono una vero e proprio ostacolo alla crescita del poker italiano. Sicuramente c'è solo un "banco" che in tutta questa faccenda ha vinto e vincerà sempre, ovvero lo stato Italiano.

Praticamente, lo stato è l'unico socio di tutte le poker room che vince sempre, incassando senza praticamente fare nulla il 3% in tasse , oltre a 300 mila euro per ogni licenza venduta. Come se i propri cittadini siano stati pensati più come un grande bancomat dove attingere nuove tasse, e la diffusione del poker sia stata pensata allo stesso modo dei gratta e vinci che sono stati concessi in vendita a tutti, dai supermercati al tabaccaio, dall'edicola al salumiere. Mentre per il poker è stata usata l'arma "micidiale" della televisione.....ah dimenticavo naturalmente a spese delle poker room, perchè lo stato è un socio solo di profitto!


party poker.it una delle sale italiane
Party poker e' presente in italia con al propria room


Io mi sono chiesto quanti giocatori ancora oggi non giocano per vari motivi nelle poker room italiane, ma preferiscono giocare liberamente (ricordo che non c'e nessuna legge che vieta al giocatore italiano di giocare nelle poker room.com o estere o come si voglia chiamarle) nelle poker room estere, le quali non hanno deciso di entrare nel mercato del poker "legale" e quindi continuano ad accettare giocatori provenienti dall'Italia?

Sono tanti, basta aprire Full tilt poker, Titan Poker, William Hill, Everest poker, ecc..... e leggere i nomi degli iscritti per trovarsi interi tavoli composti da giocatori italiani, che magari dopo aver abbandonato queste room per aderire al poker italiano e sfruttare il momento della presenza di giocatori "poco abili" nelle neonate room italiane, hanno deciso di tornare sulle sale estere dove i tornei sono sicuramente maggiori e con montepremi piu' elevati, inoltre le tasse pagate in commissioni decisamente inferiori e si può giocare liberamente la variante cash.


full tilt poker
Full tilt poker per ora non e' presente nel poker.it


Non è certo facile riuscire a dare una risposta sul numero di giocatori italiani che preferiscono giocare nelle poker room .com, io penso che ora non siano meno di 1 milione i conti di gioco aperti da giocatori italiani, anche se il monopolio ha cercato in tutti i modi di oscurare i siti delle sale che non hanno acquisito la licenza per operare in italia, e in un certo modo ha impedito la loro diffusione, ma e anche evidente che ci sono molti metodi "alternativi" per raggiungere i siti oscurati.


Chi è un vecchio giocatore di poker ha dei conti aperti in queste sale prima della nascita della nuova legge italiana, molti altri sono comunque riusciti ad aprili senza troppa difficoltà e sta di fatto che moltissime poker room .com stanno aumentando di molto il numero dei giocatori iscritti proprio dalla nostra nazione, sfruttando il fatto che molte altre altre sale entrando nel mercato "legale" sono state costrette a chiudere tutti i conti di giocatori italiani nelle proprie sale mondiali.


poker
Un simpatico manifesto che inneggia all' italia


Arrivato alla fine di questo mio editoriale posso solo augurarmi che il poker italiano si apra al mercato e che si possa riformare una sorta di mercato comune del poker online "legale", almeno a livello Europeo, dove i giocatori paghino regolarmente le tasse. E' impensabile che si formino tanti piccoli mercati del poker, perche' alla lunga questo splendido gioco potrebbe subire un calo enorme che toccherebbe tutti i mercati, e rimarebbero in vita solo le poker room più grandi che attuerebbero una sorta di monopolio, che sicuramente non farebbe bene al giocatore, ma neppure agli incassi dello stato.


Vieni nel nostro forum e fai sentire la tua opinione su questo argomento


Redaelli "Boss"Tiberio
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.