Pubblicato il

disoccupato.jpgTra pochi mesi questo 2010 verrà messo da parte per far posto al nuovo anno. E con l'arrivo del 31 dicembre anche molti contratti dei giocatori di poker live giungeranno al termine. Che succedera'?




Si chiudono così alcuni sodalizi che han caratterizzato la stagione pokeristica, quelli tra i players e le poker room che li sponsorizzano. E cosa succede ai giocatori una volta scaduto il contratto?


Molti di loro rinnoveranno il contratto e programmeranno la nuova stagione con un occhio al calendario per i tornei IPT, EPT e WSOP se è possibile. Altri invece vedranno giungere al termine questa loro esperienza e parliamo sopratutto di quelle persone che non erano giocatori abituali prima dell'arrivo della sponsorizzazione.


Luca Pagano
Luca Pagano, storico il suo sodalizio con PokerStars


Ci sono alcuni che si ritrovano il contratto per aver vinto un concorso indetto da una poker room o che, sull'onda della crescita del poker e di qualche buon risultato ottenuto più con la fortuna che con l'abilità, si son ritrovati con un marchio sulla maglietta a far loro compagnia durante tutto l'anno.


Ecco, questi ultimi sicuramente si andranno a perdere come giocatori di poker. Non li vedremo più con la stessa frequenza ai tavoli dei maggiori tornei italiani in quanto non avendo il ticket d'ingresso assicurato difficilmente sceglieranno di rischiare in proprio i loro soldi, consci del fatto che in un anno di gioco non sono giunti i risultati sperati. 


Altri continueranno a giocare, come lo facevano anche prima, e rischieranno di proprio. Torneranno quindi alle vecchie abitudini e a giocare per la propria gloria. 


E le poker room? Non tutte continueranno ad avere un team live. Del resto, in due anni di poker .it, abbiamo visto nascere e morire squadre di giocatori, al soldo di qualsivoglia marchio pokeristico, che hanno avuto vita breve con scarsi successi. 


Benelli con cuffie e cappuccio
Andrea Benelli, un campione senza bisogno di sponsor


A tutt'oggi molte poker room esordiscono con un proprio Team Pro senza avere né il background per formarne uno né la forza economica di sostenerlo e fargli giocare tutti i tornei che darebbero reale rilievo alla sala in termini di pubblicità.


Quindi, in fine, ci si domanda: ma è realmente importante per le sale presenti nel poker .it avere un Team Live? Lascio a voi la risposta. Io mi limito a dire che se mi chiedessero di farne parte accetterei di buon grado, anche solo per un anno.



Roberto 'Ronnie Rosenthal' Sorrentino
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.