Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

viktor blom isildur1Isildur1, che ha annunciato la sua vera identità tramite una conferenza di PokerStars fatta allo scorso PCA 2011, potrebbe sborsare “l’astronomica” cifra di $150,000,000 al governo Svedese ora che è ufficialmente Viktor Bloom. 



Stando a quanto dichiara un giornale locale del suo paese, il “Dagens Industri, l’autorità Svedese addetta alle tasse, nota come “Skatteverket”, ha dichiarato di voler investigare a fondo il caso del giovane giocatore Viktor Blom.


viktor blom

Viktor Blom al PCA 2011


In Svezia, infatti, i giocatori professionisti non pagano le tasse a meno che le loro partite non si svolgano al di fuori della EU, in tal caso sono soggetti a pagare una Tassa del 30% sulle loro vincite.

Secondo Dag Hardyson, un rappresentante dell’autorità Svedese addetta alle Tasse, ha dichiarato che Full Tilt Poker è da considerare al di fuori dell’EU. Sulla questione è intervenuto anche Erik Boman, anche lui proveniente dalla agenzia delle Tasse, dichiarando:

E’ vero, ci stiamo occupando della questione “Internet Poker” e conosciamo bene Isildur1, ma non posso ancora affermare che ne abbiamo aperto un caso.

Ora, stando ai dati del giornale Dagens Industri, Isildur1 avrebbe giocato su Full Tilt Poker per $4,5 miliardi di dollari e potrebbe così pagare ben $150,000,000 di Tasse al Governo Svedese, semmai decidessero di aprire il caso Viktor Blom.


viktor blom

Isildur1 ormai ufficialmente conosciuto come Viktor Blom


Tuttavia, per la Skatteverket non sarà facile investigare sul caso Isildur1, dato che il Pro Svedese Viktor Blom per il momento mostra un passivo pari a $2,630,230 su Full Tilt e -$521,523 su PokerStars (questo secondo quanto riportato da un noto sito highstarkes).

Concludendo, però, dobbiamo ricordare che in passato altri giocatori svedesi sono stati colpiti dalla Skatteverket, inclusi Martin de Knijff che ha pagato $1,476,015 e Daniel Larsson che ha versato $147,601.

Vieni sul nostro forum e commenta questa o le altre news presenti su pokeritaliaweb.

Scritto da Francesco Healy