Pubblicato il da Redazione

Vince sempre. Che si tratti di poker, scommesse o vita comune proprio non riesce a digerire le sconfitte! Ovviamente sto parlando di lui, il Tiger Woods del poker, sua maestà Phil Ivey uno dei piu' forti giocatori di poker al mondo.


Il 37enne di Riverside, tronfio degli 8 braccialetti vinti in carriera, oltre a parecchie manciate di milioni vinti in tornei e partite cash in tutto il mondo era salito agli onori della cronaca gossippara nel 2009 quando l’allora red pro aveva divorziato da sua moglie Luciaetta.


Che gran storia d’amore è stata la loro, una storia tutta a stelle e strisce, proprio come piace agli americani. Entrambi 17enni si innamorano perdutamente e convolano a nozze nel 2004 trasferendosi a Las Vegas in pieno successo pokeristico di Phil. L’idillio si interrompe nel 2009 quando arriva la separazione e gli accordi ottenuti sono discretamente a favore dell’ex di Phil. Nell’ordine vi elenco cosa va a percepire in sede di separazione: una borsa da collezione del valore di oltre un milione di dollari, gioielli dal valore complessivo di un'altra milionata, un’automobile di lusso, una polizza assicurativa sulla vita, il 40% di un’attività gestita insieme a Phil, il 50% della vendita della loro dimora coniugale, un lauto acconto per l’acquisto della sua nuova casa, oltre all’estinzione completa di un debito di gioco accumulato dalla signora Ivey e quantificabile in circa 15 milioni di dollari!

Ma a cosa giocava mi chiedo io per accumulare un debito simile? Poker Cash game high stakes contro il marito?

Full Tilt PokerE non pensiate sia finita qui! Non contenta del risultato, Luciaetta è riuscita a strappare un assegno mensile di mantenimento da ben 180mila dollari. Mica male come mantenimento! Ai tempi d’oro di Full Tilt poker fonti ben informate ritengono che Ivey intascasse circa 1 milione di dollari al mese solo di sponsorizzazione.

Ahimè sappiamo tutti però che il Black Friday manda a carte quarantotto tutta la baracca e il campionissimo smette di versare l’assegno mensile alla ex moglie, in pratica perché disoccupato, non ricevendo più uno stipendio fisso! Luciaetta va su tutte le furie, scoprendo tra le altre cose che Bill Gonzales, giudice che presiede la causa di divorzio ha ricevuto dei soldi dallo stesso Ivey durante la sua campagna elettorale (i magistrati negli States vengono eletti e non nominati) per cui chiede la ricusazione della causa da parte di un giudice non così palesemente coinvolto.
E per fortuna che è di parte aggiungo io! Con tutti i soldi e beni materiali ricevuti da Luciaetta che sarebbe successo se non fosse stato di parte?

Siamo ormai ai giorni nostri, dove in soccorso di Phil è intervenuta la Corte Suprema  del Nevada, la quale si è espressa a favore di Ivey ritenendo che i contributi per la campagna elettorale del giudice Gonzales versati da Ivey non siano così significativi da approvare la richiesta di ricusazione degli avvocati di Luciaetta.

Potremmo dire che questa mano è stata vinta al river da Phil, ed anche se nel chip count Luciaetta è notevolmente in vantaggio, vedremo chi alla fine vincerà questo entusiasmante heads up.

Marco Zanini