Pubblicato il da Giuseppe "Pidduv" Messineo

Questa settimana due notizie fanno breccia nel mio giovane cuore. La fortuna che hanno i poker pro nell’arte del 'rimorchio' ed il un nuovo software di sicurezza lanciato per il poker online. Vediamo insieme di che si tratta.


Certo che alcune persone nascono proprio con la camicia di seta addosso. Prendete ad esempio Daniel Negreanu, non solo è uno dei più forti e stimati poker player. Ok, magari sta perdendo i capelli con la stessa velocità con cui Valentino Rossi passa sul rettilineo del Mugello, ma è sponsorizzato da una delle poker room più importanti al mondo, gira tutto il pianeta tra casinò, feste vip e tornei milionari ed ora, come se non bastasse, una delle più belle cheerleaders americane ha dichiarato che il suo sogno nel cassetto è quello di incontrarlo!

Si tratta di tale Alicia (foto), una cheerleaders dei Philadelphia Eagles, ovvero di quelle avvenenti ragazze che ballano e sculettano a tempo di musica intrattenendo gli spettatori, in particolar modo quelli di sesso maschile, durante le pause delle partite di football, così tipicamente USA. Ecco, Alicia è una di loro, considerata una delle più sexy, tra le altre cose. Lei è appassionata di poker, il suo film preferito è “The Rounders” e, come dicevo prima, il suo sogno segreto è incontrare Daniel Negreanu.

La bellissima AliciaOk, chiariamo subito che il sogno della ragazza è in linea con le dimensioni del suo seno: non è che avesse il sogno di incontrare il Papa o Barack Obama, si accontenta di un poker player. Daniel dal canto suo non ha perso la ghiotta occasione e, avvisato della richiesta, ha subito risposto via twitter dicendo che il tempo per un incontro lo trova sempre. Con tutte le richieste di incontro che gli ho mandato io non mi ha mai risposto di si una volta! Arriva sta qua e accetta subito. Non riesco proprio a capire dove sta la differenza tra me e lei. Guardate una sua foto e fatemi sapere che ne pensate!

E se dai successi live di Daniel Negreanu ci spostiamo all’online uno dei problemi principale è quello di assicurarsi della regolarità dei player al tavolo: chi mi garantisce che dietro quel nick si celi sempre la stessa persona, reale titolare dell’account e non un suo amico pro o un suo cugino di terzo grado incallito ludopatico? A questo scottante e sempre attuale problema sembra aver dato definitiva risposta Jumio Netverify! Si tratta di una società che ha stretto recente collaborazione con PokerStars, che si occupa di testare la reale identità del giocatore impegnato al tavolo.

In che modo funziona? Molto semplice ed altrettanto inquietante: in maniera random il software chiede al giocatore di posizionarsi di fronte alla webcam del computer per dimostrare che il proprio bel faccino corrisponda a quello sul documento inviato al momento della registrazione al sito. Giocatori fraudolenti siete avvisati: non c’è più spazio per voi! Ok, però alla mia acuta mente non sfuggono alcune problematiche. Vero è che ormai quasi tutti i computer sono dotati di webcam, ma se io la webcam non ce l’ho cosa faccio?

Mi faccio un autoscatto davanti al tavolo del torneo in questione, in stile “sequestro mafioso”  e invio la foto per e-mail? E se il documento che ho inviato per la registrazione è la patente di guida, con foto scattata a 18 anni, magro come uno stuzzicadenti, ed ora di anni ne ho 38 con una pancia da bevitore di birra, non corro il rischio di non essere riconosciuto? Un vero problema, soprattutto per me che ero abituato a giocare alla Fantozzi in mutande e canotta, adesso dovrò stare sempre in giacca e cravatta, perfettamente sbarbato, perché come mi insegnano i più grandi professionisti della storia: l’immagine al tavolo è tutto!