Pubblicato il

Dalla leggenda di 'Poker' Alice all'origine del termine nuts, passando per una strana maledizione danese, ecco a voi le prime cinque piccole curiosità dedicate al poker, di cui molto probabilmente non eravate ancora a conoscenza.


10 - Il presidente pokerista

Abbiamo parlato spesso di come Richard Nixon amasse il poker e di come fosse particolarmente bravo a riconoscere i tell. Forse però non sapete che la sua prima campagna politica fu finanziata proprio dal denaro che aveva vinto giocando a poker durante la Seconda Guerra Mondiale, quando si era arruolato in Marina.

9 - La leggenda di 'Poker' Alice

Una delle donne più selvagge del selvaggio West. 'Poker' Alice si trasferì dall'Inghilterra al Colorado intorno al 1860 e sposò un ingegnere che amava giocare a carte. Alice era solita accompagnare il marito, tanto che finì per imparare a giocare e a guadagnarsi da vivere in questo modo, dopo la morte del marito. Si guadagnò il soprannome di 'Poker' Alice per aver vinto più di 5.000 dollari (una cifra strepitosa a quei tempi). Tanto per far capire che tipo di donna era, nella sua vita sparò a due uomini, uccidendone uno, per poi aprire una sorta di casino-casinò (avete capito cosa intendiamo, insomma).

8 - L'origine del termine nutsQuesto carro è... nuts!

Nel poker, come ben sappiamo, il nuts si riferisce a una mano che non può essere battuta. Secondo alcuni, il termine ha origine nel Vecchio West, dove spesso i giocatori puntavano i loro cavalli e i loro carri. Quando succedeva, il giocatore doveva svitare i bulloni ("nuts" in inglese) dal proprio carro, in modo che non avrebbe potuto scappare in caso di sconfitta. Quindi si supponeva che chiunque scommettesse "i nuts" avesse la miglior mano possibile.

7 - La storia di Canada Bill

Secondo alcuni è il più grande truffatore della storia, nonché abilissimo gambler. William 'Canada Bill' Jones giocava sulle barche da fiume del Mississippi a metà del 1800. Pare che avesse una voce squillante e che tutti lo ritenessero un po' tonto. Nulla di più falso: Canada Bill era un cheater professionista, maestro del gioco delle tre carte, in grado di barare senza venire mai beccato. Peccato che il suo vizio per il gioco fosse più forte di tutto e di tutti, tanto che morì al verde. Una volta un suo amico gli disse di non giocare una partita che tutti sapevano essere truccata, ma Bill gli rispose: "Lo so, ma è l'unica partita che c'è in città".

6 - La maledizione del giocatore danese

Peter 'Zupp' Jepsen aveva tutto ciò che un pokerista può sognare: soldi, sponsorizzazione, investimenti, una donna al suo fianco. Fino al 2009, quando improvvisamente la fortuna gli ha letteralmente voltato le spalle. A un certo punto non è più riuscito ad arrivare in the money in nessun torneo e a non vincere più neppure nel poker cash game. I suoi investimenti sono andati in malora e i suoi amici, ai quali aveva prestato del denaro, non potevano dargli una mano.

Arrivò il momento in cui Jepsen non aveva più neppure i soldi per un gelato. E non è mica finita qui. Ad un certo punto si prese l'influenza suina, si ruppe un piede e, uscito dall'ospedale, gli venne pure la cefalea a grappolo (mal di testa forti e ricorrenti, per intenderci). Infine, pure la fidanzata, l'amore della sua vita, lo lasciò. Se questa non è una maledizione...

A domani per la seconda parte!