Pubblicato il

Non esiste una starting hand, nel poker, che sia stata più discussa, amata, odiata, chiacchierata, sopravvalutata o sottovalutata, della mitica asso-kappa. Per i suoi estimatori è Big Slick, per i detrattori è invece Anna Kournikova.


Il bello del poker è che a valle di infinite discussioni tecniche o teoriche, spesso e volentieri tutto si risolve con il più salomonico dei "dipende". Ma se c'è una mano in particolare che rientra in quei miti irrisolti, come "il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto?" o "è nato prima l'uovo o la gallina", be' questa è senza ombra di dubbio A-K. Che per alcuni è Big Slick, per altri è Anna Kournikova.

Alcuni giocatori preferiscono A-K, anche quando non è suited, persino alle due mani di partenza in assoluto più forti, A-A e K-K. D'altra parte quando si connette col flop, questa mano ci regala la top pair e il top kicker: un punto molto forte, che nella maggior parte dei casi riuscirà a reggere fino alla fine e a farci vincere un piatto discreto. E poi, quando manchiamo il flop è più facile foldare, rispetto a quando abbiamo due assi o due re.Io questa A-K non la butterei via...

Non solo A-K è abbastanza semplice da giocare al flop, lo è anche prima del flop. Si tratta di una mano ideale per rilanciare e finanche per andare all-in; d'altro canto è favorita contro qualsiasi altra mano formata da un solo asso e se la gioca alla pari con qualsiasi pocket pair, fatto salvo appunto per A-A e K-K. E questo era il partito del Big Slick.

Ma come detto, c'è anche chi si riferisce ad A-K con il nome di Anna Kournikova: bella, ma non vince mai. Perché inevitabilmente ogni volta che la giochiamo e troviamo un asso al flop, finiamo per perdere un sacco di chip contro il classico giocatore che chiama con asso-rag e pesca inevitabilmente la doppia coppia, spillandoci un sacco di soldi. E poi perché anche andando all-in pre-flop e venendo chiamati, quasi sempre se ci va bene saremo al 50%.

Dunque chi ha ragione? Il partito del Big Slick o il partito di Anna Kournikova? Lungi da noi persino tentare di dare una risposta a questa domanda che... ma no, dai, stavolta vogliamo sbilanciarci e vogliamo finalmente dirimere, una volta per tutte, questa annosa questione che attanaglia tanto i giocatori di poker online quanto chi preferisce il live. Ebbene, la risposta è che...

...

dipende!