Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

Bei tempi quelli del Poker After Dark, dove in tv vedevi i più forti giocatori del pianeta giocarsi migliaia di dollari in partite di cash game live. E per il suo video-blog, il canadese Daniel Negreanu, ha voluto ricordare quei momenti analizzando una mano giocata fra Dwan e Ivey.


Siamo al Poker After Dark, partita di poker cash game Pot Limit Omaha. I bui sono 300-600, con straddle 1,200 piazzata da Bleznick. Sul bottone Tom Dwan rilancia fino a 3,500 con Kc Jf Tc 5d. Fold di Galfond dallo small e call dal big di Phil Ivey con Ad Jd 9f 6p. Fold Bleznick.


Per Daniele Negreanu, Dwan, qui ha fatto la cosa giusta, cioè rilanciare, in quanto è un tavolo short handed, è in posizione, e nonostante un 5 abbastanza inutile, la sua mano è buona abbastanza per permettergli tale mossa, “d’altronde nel Pot Limit Omaha si giocano molte più mani”, commenta.


E’ meno convinto invece sul call di Ivey, che chiama con una mano che lui definisce spazzatura. Lui stesso avrebbe passato, dice Daniel. Sopratutto perché si è fuori posizione e dopo di te hai ancora un giocatore che deve agire, ovvero Bleznick. Ma Daniel sottolinea anche che “siccome lui è Phil Ivey, uno che non resta fermo a guardare gli altri giocare, tutto è lecito”. C’è poi Bleznick, che passa con Ac 6f 4p 2p. Daniel non è meravigliato dal fold, decisione giusta per lui. “Forse avrebbe chiamato se avesse avuto un suited ace”, afferma canadese.

Tom Dwan vs Phil Ivey al Poker After DarkFlop Kp Qd 9c: Ivey esce puntando 7mila e Dwan chiama. Ecco l’analisi di Daniel Negreanu: “Non mi dispiace il bet di Phil. Ha comunque una possibilità di scala ad incastro, 3/5 di colore all’asso e bottom pair. Ma sopratutto, credo che in caso di check avrebbe poi chiamato qualsiasi puntata di Tom. Puntando invece può rappresentare anche qualcosa di forte, e poi ha un Jack blocker, ovvero difficile fare in mano al suo avversario un altro jack. Dunque, non mi dispiace il bet di Phil, ma mi piace ancora di più il call di Dwan. Perché? non ci sono troppi motivi per cui rilanciare. Infatti, un errore che fanno molti giocatori di Pot Limit Omaha è di spingere tutto e subito non appena si floppa il nuts. Ma se giochi un tavolo cash game e sei super deep, andando all-in, che pensate che possa avere il vostro avversario? Probabilmente una scala come la vostra, o comunque una mano con cui chiamarvi. Dunque, se Tom rilancia, e riceve un re-raise da parte di Phil, quest’ultimo avrà ovviamente anche lui JT per la scala, e Dwan non può passare. Ma attenzione, perché Phil potrebbe avere si scala, ma anche un set o doppia. Tom in questo caso si ritroverebbe solo con una scala, un re e un backdoor flash draw. Dunque, solo perché avete floppato il nuts, nel Pot Limit Omaha, non significa che è arrivato il momento di spingere”.


Turn Tf: Ivey continua a puntare e mette nel piatto 21mila dollari. Call. Negreanu ci spiega la giocata al turn: “Ivey trova proprio il dieci e passa in vantaggio, e punta 21mila. Ora Tom è dunque leggermente preoccupato, ma chiama lo stesso. Un call giusto, impossibile da foldare, Tom ha sempre la scala e ora anche la doppia. In più c’è anche la possibilità che Ivey sia in bluff, anche se davvero remota con quel board”.


River Kd: check per Ivey, e all-in per Tom, che mette nel piatto 39,400 dollari in un pot da 64,500 dollari. E Phil… passa. La parola a Daniel Negreanu: “Tom ovviamente fa la cosa giusta andando all-in, mentre Phil fa un fold davvero difficile. Perché? Tom è abbastanza capace da sapere che in questa situazione Phil non ha un full house, mai. Quindi è un’ottima opportunità per ragionare in tal modo: ‘Ok, ho floppato scala, probabilmente Phil ha scala anche lui, magari all’asso o uguale alla mia, quindi in più di un’occasione è una situazione da freebet’. In conclusione, Phil Ivey fa dunque un ottimo fold, dettato dal suo fiuto da grande giocatore. Legge Tom alla perfezione e passa facendo la mossa giusta. Non da tutti, altri avrebbero chiamato. D’altronde potrebbe aver floppato solo scala Tom, e non aver altro in mano”.



Sei pronto a giocare su PokerStars? Ti aspetta un bonus primo deposito del 100% dell'importo della tua ricarica fino ad un massimo di 1.000 euro. Per ottenere il bonus, ti sarà sufficiente giocare e raccogliere un numero di VIP Player Points (VPP) pari a 25 volte l’importo del bonus in euro.