Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

Lo scontro a distanza fra Doug Polk e Daniel Negreanu continua a suon di podcast. Questa volta è il canadese a prendere la parola rispondendo al collega sul suo pensiero per quanto riguarda l’aumento della rake e le nomination per i prossimi American Poker Award.


Ad inizio mese, durante un podcast di Joe Ingram, Doug Polk ha tirato in causa Negreanu per i suoi precedenti commenti sull’essere favorevole alla politica di PokerStars di aver aumentato la rake. Ovviamente Polk, forse uno dei poker player più odiati oggi, non ha usato proprio parole carine nei confronti del collega canadese, definendolo “imbarazzate per il gioco” e “little bitch”, che non ha bisogno di traduzione.

La risposta di Daniel Negreanu non si è fatta certamente attendere, chiarendo ancora una volta la sua posizione favorevole per l’aumento della rake, in quanto secondo lui è un’ottima politica per invogliare i giocatori occasionali a giocare.

E poi, a parte i commenti negativi sulla sua persona, quello che forse ha dato più fastidio a Daniel Negreanu, è di vedere fra i nominati nella categoria “Poker’s Biggest Influencer”, il nome appunto di Doug Polk. “E’ una cosa negativa, per me, perché quello che fa lui è solo attaccare e criticare gli altri, che si tratti di Jason Mercier o di Ben Tollerene. E’ disgustoso quello che fa e solo per ottenere più spettatori”.

Doug Polk ha ricevuto ben tre nomination ai prossimi American Poker Award. In due categorie concorre al premio assieme Daniel Negreanu: ‘Video Blogger of the Year’ e ‘Poker’s Biggest Influencer’. Sai che schiaffo sarebbe per Negreanu se vincesse entrambe l’odiato Polk? Doug che è nominato anche nella categoria ‘Tournament Performance of the Year’, per la vittoria al ‘WSOP One Drop High Roller’, dove il nostro Dario Sammartino è arrivato terzo.

Qui l’ultimo video di Daniel Negreanu dove parla appunto anche degli American Poker Award