Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

In un sua recente intervista il noto giocatore professionista Isaac Haxton ha raccontato che oggi per lui non avrebbe senso continuare a giocare tornei live in giro per il mondo se non ci fossero gli eventi High Roller, e anche se le spese sono decisamente maggiori, per lui è più profittevole.


Intervistato dai PokerCentral.com, il noto high roller player Isaac Haxton, ha raccontato la sua vita da torneista, dichiarando che “l’aumentare del numero dei tornei high roller ha fatto una grande differenza per quanto riguarda la mia carriera”.

In pratica Isaac Haxton afferma che qeusto tipo di tornei sono per lui più profittevoli, perché “c’è un enorme differenza in termini di costi e vincite attese quando vai fino in Europa per giocare un Main Event da €5.000 e quando invece ci vai per giocare due tornei da €100.000. Senza high roller non avrebbe senso continuare a viaggiare per il mondo per giocare tornei live, almeno per me”.

Anche se poi ammette anche che nonostante le vincite siano decisamente più grosse, le probabilità che tu possa essere in perdita sono maggiori: “Nel 2017 a un certo punto avevo 3.6 milioni di dollari in vincite ma ero in perdita, questo perché al giorno d’oggi è molto facile che un reg degli high roller con tre milioni di dollari in vincite lorde durante l’anno non sia effettivamente in attivo”.

Il campione si è poi soffermato sul Main Event delle WSOP, che molti professionisti considerano un torneo profittevole perché il field è composto da tantissimi occasionali e le probabilità di centrare un ITM sono così maggiori. Ma in realtà le cose non stanno proprio così e lo sa bene Isaac Haxton che ammette:  Non penso che molti giocatori siano profittevoli nel Main Event WSOP. Sono passati gli anni in cui il livello era estremamente basso, oggi c’è una percentuale molto alta di giocatori molto esperti. Il field è diventato molto più duro e il Main Event WSOP non è certamente il torneo più facile“.

Ricordiamo infine che Isaac Haxton ad oggi gli manca poco meno di mezzo milione di dollari per infrangere il mio muro dei 20 milioni vinti live in carriera. Il suo ultimo ITM, un primo posto centrato lo scorso 6 ottobre ad un evento High Roller dell’Aria da 25mila dollari, gli ha fatto incassare 238mila dollari.