Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

La prima tappa PPT del 2012, in pieno svolgimento al casinò di Saint Vincent, non concede nessuna tregua al pro Sisal poker Niccolò Caramatti, che rimane nuovamente a bocca asciutta alla sua terza uscita stagionale. Proprio non gira.


Eh si, ancora una volta è Game Over per lo sfortunato Niccolò Caramatti, che proprio non riesce a scrollarsi di dosso questa negatività d’inizio anno. Nonostante il suo nuovo gioco attento e disciplinato, la nemica numero uno dei pokeristi, la signora Dea Bendata, non risparmia il pro Sisal e per l’ennesima volta lo condanna ad uscire anzitempo. Eppure come sempre la serata era iniziata nei migliori dei modi, subito up dalle 25mila chips iniziale a 43mila, soltanto che poi, prima della pausa cena, è arrivato il primo colpo da KO da parte di un giocatore alquanto avventato.

La mano in questione è andata così: c’è un limp che Niccolò puntualmente cerca di isolare con la sua coppia di sette. La parola torna al limper che effettua un piccolo reraise, che Caramatti puntualmente chiama poiché nel suo range di carte era abbastanza ampio. Flop è 4-5-K dove Niccolò al bet del suo oppo percepisce un chiaro tell di debolezza e chiama istant. Turn 5 e c’è il bet immediato di oppo. Altro chiaro segno di debolezza e call. River 9 e quasi ancor prima che scendesse il suo avverssario va in all-in. A quel punto chiamato turn Niccolò chiama anche river, ma con suo stupore il suo oppo gira un 8 e 9 per una magica coppia superiore.

Si va in pausa cena e al ritorno continua la sua giornata alquanto sfortunata, rimasto con poco più di nove mila chips con bui 200/400 più ante. Decide di mandare la vasca con A-10 suited dopo che vi era stato un limp da UTG e 4 call dietro. Call dell’UTG che gira A-A per un classico dei tranelli. Nessun miracolo per Niccolò che saluta tutti col sorriso e torna a casa.

Purtroppo è l’ennesima delusione live, la terza di questo inizio di 2012. Nonostante abbia messo in mostra un buon gioco le carte non lo stanno aiutando. Per fortuna invece l’online va alla grande, quindi il bicchiere possiamo considerarlo mezzo pieno. L’appuntamento ora è con l’EPT di Campione.