Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

Lui, Giovanni Rizzo, di partite giocate online ne ha disputate parecchie, e di frasi colorite in chat ne avrà viste tante, troppe, tanto ad arrivare a consigliare alle room di togliere la possibilità ai giocatori di poker online di parlare tramite chat.


“Se le room .it togliessero per sempre la chat, farebbero un servizio all'umanità intera!”, ha scritto di recente il poker pro italiano Giovanni Rizzo sulla sua pagina Facebook. E abbiamo preso questo commento per chiedere anche a voi se siete dello stesso avviso.


E allora ‘To chat or not to chat’, questo è il problema. Purtroppo è vero, non possiamo dare torto a Giovanni Rizzo, in chat se ne vedono, anzi, se ne leggono di tutti i colori. Gli insulti, anche pesanti, non mancano mai. Nei tornei live questo accade molto di rado, al massimo qualcuno si alza e va via infastidito, dopo aver subito una bad beat, ma di certo non resta lì ad insultare il suo avversario.


In chat si sentono invece tutti più forti, lì al sicuro dietro al loro schermo. Ma più che forti, sappiate che fate solo la figura dei vigliacchi. Con le chat si ha lo stesso effetto che subisco alcuni automobilisti nelle proprie auto: questi quando entrano nel loro abitacolo diventano super irascibili e per ogni sciocchezza sono pronti per molestare il proprio clacson o usare direttamente la propria voce per insultare il malcapitato di turno (qualcuno arriva anche alle mani).

Dopo li fenomeno del Road Rage bisognerebbe studiare anche il Chat RageDue situazioni diverse, ma simili. In entrambi i casi ci si sente al sicuro, protetti, che sia uno schermo o un abitacolo, e all’improvviso scatta in noi un rabbia nascosta che è pronta per essere usata contro chiunque, qualsiasi cosa accada, anche per una semplice banalità.


Questo fenomeno è stato anche studiato, nel caso degli automobilisti, e lo chiamano “road rage”, un fenomeno sempre più diffuso e sempre più violento. La rabbia alla guida è dunque un fenomeno in aumento e pericoloso: di recente a Teramo un automobilista è stato infatti accoltellato al cuore in seguito ad una lite per una mancata precedenza.


Per fortuna online non si arriverà mai alle ‘armi’, ma solo perché si è divisi da uno schermo. Alla fine, siamo anche d’accordo con Giovanni Rizzo, queste chat non servono poi a granché.


Apri un conto su SISAL POKER! Per te un Welcome Bonus di €1.000 e punti doppi per il PIWCLUB!