Pubblicato il da Giuseppe "Pidduv" Messineo

Abbiamo appena intervistato Raffaele 'raffibiza' Sorrentino, primo italiano ad aver vinto un Main Event del PokerStars Championship. Il campione calabrese ci ha raccontato delle emozioni post trionfo ma anche del deal arrivato senza tanta convinzione.

 

PIW: Ciao Raffaele e complimenti per il tuo straordinario trionfo a Montecarlo. Un risultato 'storico' che fa di te il primo italiano ad aver vinto un Main Event del PokerStars Championship. Che sensazioni hai provato nel momento in cui hai capito di aver vinto il torneo?

Raffaele: Ciao Giuseppe, grazie per i complimenti. Sinceramente ho realizzato di aver vinto solo il giorno dopo, quando mi sono svegliato ed ho cominciato a pensare quanto era successo. Se devo dirla tutta, ancora oggi faccio fatica a crederci perché è veramente difficile assimilare una roba del genere. E' stato un sogno che alla fine è diventato realtà e quindi puoi capire bene come mi sento... sono felice, molto felice!

PIW: Hai praticamente dominato il Final Table, una volta rimasti in 6, giocando un poker di altissima qualità e con una sicurezza che difficilmente si vede ai tavoli in quei momenti cosi pieni di tensione. Come ci sei riuscito?

Raffaele: Sinceramente sapevo di poter vincere e questo mi ha aiutato a giocare con molta più tranquillità. Al tavolo mi sentivo sicuro e non mi sono mai innervosito, anzi nonostante ero al tavolo televisivo non mi sono mai fatto prendere dall'adrenalina e così ho continuato a non pensare a niente e soprattutto al valore dei premi in palio, che poi è quello che fa la differenza.

Credevo di vincere e per fortuna alla fine è stato così. Forse un errore l'ho fatto, non avrei dovuto fare il deal... però va bene lo stesso, è andata così.

PIW: Ed a proposito, come mai hai optato per il deal con Andreas Klatt? Se ricordo bene avevi più del doppio delle chip del tedesco, o sbaglio?

Raffaele: Guarda, non avrei voluto farlo. Ero sicuro di vincere, poi avevo 16 milioni di chips mentre lui poteva contare su 6 milioni. Inoltre non mi sembrava così forte in heads up. Più ci penso e più sono convinto che avrei potuto mettergli ancora pressione e portare a casa più soldi, invece ho deciso di seguire i consigli di chi era con me e così mi sono lasciato andare e l'ho fatto.

Però non ero convinto ne prima, ne durante, ne dopo averlo accettato. Comunque alla fine è andata bene anche così, ripeto... sono contentissimo di quanto fatto e di quanto ho vinto.

PIW: Questo è senza dubbi il tuo più grande risultato in carriera. Come cambia adesso la tua vita da poker pro?

Raffaele: Si, questo è il mio risultato più importante ma non cambia nulla nei miei programmi. Andrò a Las Vegas, come già avevo deciso di fare, per giocare le World Series of Poker 2017. Poi ho un altro grosso obiettivo da portare a termine, ma al momento non ne voglio parlare. Quindi va bene così, continuerò a giocare come sempre online e live.

PIW: Hai già un'idea di come investire gli oltre 460.000 euro che hai incassato?

Raffaele: Onestamente non ci ho pensato molto e non ho un piano su come spendere i soldi. Continuerò ad usarli per giocare e nei prossimi giorni mi saranno utili per l'avventura a Las Vegas, dove voglio fare ottimi risultati. Adesso mi concentrerò solo su quello con l'intento di portare a casa più piazzamenti possibili.

Raffaele durante le interviste di rito
Raffaele durante le interviste di rito


PIW: Niente vacanza allora... giocherai anche online, visto che sono appena iniziate le SCOOP?

Raffaele: No, no, niente vacanza! Prima farò qualche evento SCOOP e poi il 26 volerò a Las Vegas. Le vacanze le faro quando ci sarà il tempo, per adesso bisogna 'lavorare' e tanto.

PIW: Hai già deciso su quali eventi punterai alle World Series of Poker 2017?

Raffaele: Si farò tutte le WSOP, quindi giocherò più tornei possibili tranne gli High Roller. Per quelli continuerò a giocare i satelliti, il fatto di aver vinto tanti soldi non mi farà cambiare il mio modo di vedere le cose... non mi butterò di certo negli eventi da 25.000 dollari di buy in. Insomma, manterrò la mia linea cercando di qualificarmi per gli eventi più grossi attraverso i sat.

PIW: Perfetto, grazie di tutto Raffaele e di nuovo complimenti per la tua impresa. Ciao e alla prossima!

Raffaele: Grazie Giuseppe, è sempre un piacere parlare con voi di PIW. Un saluto a tutti, ciao!