Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

Da quando è diventato November Nine due anni fa, è stato sempre abbastanza attivo sui social, aggiornando di tanto in tanto i suoi fan sulla sua vita da poker pro, ma da gennaio 2017 ad oggi la sua pagina Facebook è rimasta in silenzio. Cosa sta facendo il campione romano?


Dopo Filippo Candio, chi si sarebbe mai aspettato di poter fare il tifo nuovamente per un italiano al tavolo finale del Main Event delle WSOP, eppure cinque anni dopo il quarto posto del player sardo, è arrivato l’ottavo posto messo a segno da Federico Butteroni.

Federico per la seconda volta nella storia del poker italiano è riuscito a raggiungere il tavolo finale più ambito per un poker pro, facendo rimanere in quell'estate del 2015 svegli gli italiani fino a tarda notte per poterlo seguire in diretta. Un ottavo posto che gli permise di incassare un assegno di oltre 1 milione di dollari e soprattutto firmare un contratto con la poker room Snai. E ricordiamo che in quello stesso anno, a giungo 2015, Federico vinse anche un evento Rio Daily Deepstack per poco più di 30mila dollari.

Ebbene, dopo quell’estate la sua notorietà per ovvie ragioni è cresciuta tantissimo. E lui da quel giorno ha sempre aggiornato i suoi fan su Facebook dei suoi spostamenti e iniziative, almeno fino all’anno scorso. Ad agosto 2016, ad esempio, per le WSOP Circuit di Campione ha deciso di organizzare un’asta pro terremotati. Un’altra asta, sempre a favore delle zone del Centro Italia colpite dal sisma, l’ha organizzata in un Sunday Special giocato a ottobre. Sempre ad ottobre, suo ultimo post, annunciava la sua partecipazione alle WSOP Circuit in Australia e a qualche altro torneo che si sarebbe poi giocato a Macao.

Filippo Candio, primo November Nine azzurro
Filippo Candio, primo November Nine azzurro

E in effetti questa sua parentesi è terminata con 6 ITM per un totale vincite pari a circa 15mila dollari o poco più. Dopodiché, da gennaio 2017 ad oggi, silenzio. Nessun nuovo post sulla sua pagina, e soprattutto nessun altro ITM se non una timida bandierina portata a casa da un evento giocato ad inizio maggio al London Poker Championship, dove Federico ha concluso in ottava posizione per appena $577 in un evento NL 6-MAx dal buy-in da 150 sterline.

Ma non ci meravigliamo più di tanto se in tutti questi mesi non abbia né piazzato bandierine sparse per il mondo né tanto meno partecipato agli eventi più importanti che si sono giocati di recente. Questo perché Federico da sempre, tranne qualche rara occasione, preferisce giocare le WSOP di Las Vegas e gli eventi più importanti australiani, come le Aussie Millions o le WSOP Circuit giocate a fine 2016.

Ora, ritornando alla domanda “Cosa sta facendo il campione romano?”, risposta non c’è, per ora. Ma non escludiamo che in tutti questi mesi di silenzio si sia dedicato a 360° al poker per poter atterrare nuovamente a Las Vegas per le prossime WSOP, e decollare per far ritorno verso casa o chissà per quale altra destinazione, con al polso un braccialetto, o perché no, magari bissando il tavolo finale del 2015. Insomma, Federico… se ci sei batti un colpo! Qui siamo pronti per fare il tifo per te all’imminenti World Series.