Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

E' salito a 14 vittime il bilancio dei morti in seguito all'attentato di Barcellona. Due le vittime italiane. In tanto i pro italiani a Barcellona, per giocare il Pokerstars Championship, rassicurano di stare bene attraverso i social.


L’attacco è avvenuto ieri pomeriggio intorno alle cinque, quando un van di colore bianco si è scagliato contro la folla per oltre 600 metri, salito sulla parte centrale della Rambla, per poi fermarsi scontrandosi contro un’edicola all’altezza dell’incrocio con Carrer Bonsucces.

Intorno all’una di notte c’è stato poi un nuovo attacco a Cambrils, a due ore d’auto da Barcellona. Qui degli attentatori che indossavano cinture esplosive, si sono lanciati con un Audi A3 contro la folla nell’area pedonale del lungomare, ma sono stati fermati dalla polizia. E’ nato poi un conflitto a fuoco e gli agenti hanno ucciso tutti e cinque gli assalitori. Secondo le autorità locali gli attentatori erano in collegamento con chi ha compiuto l’attacco a Barcellona.

Intanto è salito a 14 il conto delle vittime, mentre 130 sono i feriti. Secondo le autorità locali ci sono persone di 34 nazionalità tra coloro che sono rimasti coinvolti nell'attentato, e l’elenco comprende anche l’Italia, dove al momento si contano tre feriti italiani (due già dimessi), e due decessi. A perdere la vita Bruno Gulotta, 35 anni, di Legnano, e Luca Russo, 25 anni, laureato in ingegneria energetica di Bassano del Grappa, provincia di Vicenza, che si trovava nella città catalana con la ragazza, rimasta ferita ma non in gravi condizioni. .

“Le verifiche sui connazionali sono ancora in corso”, fa sapere in Spagna la Farnesina, che ha attivato un numero di emergenza. Al momento la polizia catalana ha confermato di avere effettuato due arresti, precisando che uno dei due è marocchino e l'altro è nato a Melilla. Uno dei due è stato catturato ad Alcanar e l'altro a Ripoll. Resta aperta la caccia all'autista-killer del furgone, ritenuto ancora in fuga.

Come riporta invece la Repubblica.it, risulta invece estraneo all'attentato sulle Ramblas l'uomo, di nazionalità spagnola, ucciso in uno scontro a fuoco con la polizia poco dopo le 20, dopo aver forzato un posto di blocco a bordo di un'auto Ford Focus e aver travolto un agente.

Per quanto riguarda il documento di Driss Oukabir, consegnato dalla persona che ha affittato il furgone dell'attentato terroristico sulla Rambla di Barcellona, potrebbe essere stato rubato da suo fratello diciottenne Moussa, il vero colpevole della strage.



Nel frattempo, in queste ore di panico, su Facebook, molti dei nostri connazionali presente a Barcellona per giocare il PSC stanno rassicurando i propri cari e amici.

Enrico Mosca: “Siamo usciti dall'hotel. La città è terrorizzata tutti i locali chiusi per sicurezza in questa zona , per chi e' stato a Barcellona sa quanto questa città sia viva e divertente, oggi sembra paralizzata ...bastardi!”.

Eros Nastasi: “Rassereno tutti. Per fortuna sto bene. L'attentato a Barcellona è stato a pochi km da noi sulla ramblas. La maggior parte siamo impegnati tra i tavoli al casinò. Per il momento qui, sembra tutto tranquillo. Grazie a tutti per le chiamate e i messaggi di preoccupazione”.

Giada Fang: “Ci mancava solo l'attentato a Barcellona! Cmq qui al casinò tutti sani e salvi per ora…”.

Carlo Savinelli: “Attentato a Barcellona. Sto bene. Un furgone ha tranciato decine di persone. Siete solo dei bastardi”.

Andrea Corbu: “Grazie per esservi preoccupati con chiamate e messaggi. Confermo di essere vivo e vegeto”.

Giuliano Bendinelli: “Sto bene grazie mille a tutti quelli che mi hanno scritto su fb o su wa per sapere come stavo ma per fortuna quando e' iniziato tutto il casino stavo ancora dormendo in appartamento qui a Barcellona visto che stanotte avevo giocato cash al casino' sino alle 9 di mattina. Si può proprio dire che i miei orari tutti a caso per una volta mi abbiano evitato un bel po di paura”.

Gaetano Preite: “Volevo rassicurare tutte le persone che mi stanno scrivendo, sto bene, io mi trovo al casino al chiuso a giocare il torneo! La polizia di Barcellona si è abilitata per catturare i terroristi, c'è tensione nei volti della gente perché a quanto pare c'è un secondo furgoncino ancora libero e ancora i terroristi sono in libertà, consiglio a chi legge e si trova a Barcellona di stare il più possibile in posti lontani dalla strada”.

Hanno poi fatto sapere di star bene anche Mustapha Kanit, Davide Suriano, Rocco Palumbo, Gianluca Bernardini, Davide Marchi, Andrea Rocci, Raffaele Castro, Umberto Ferrauto, Enrico Silvestrin, Lorenzo Battistello, Gigetto Pignataro.

Seguiranno aggiornamenti.