Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

Se per caso sei induista o seguace di qualsiasi altra religione che crede alla reincarnazione, forse anche tu avrai un tuo idolo, sportivo o non, in cui vorresti reincarnarti. Max Pescatori ad esempio, anche se forse sarà cristiano, religione che non crede alla reincarnazione, piacerebbe tanto ritornare in vita come Tom Brady. Ma c’è anche a chi piacerebbe vivere la vita del nostro Pirata. E a te?


Ma iniziamo da Tom Brady, chi è costui e perché il nostro Max Pescatori vorrebbe reincarnarsi in lui. Bene, per chi segue un minimo il Football Americana saprà bene chi è, uno dei quarterback più forti e vincente nella storia della NFL, capace con i suoi New England Patriots di vincere ben 5 Super Bowl su otto finali raggiunte, l’ultima persa proprio di recente contro gli Eagles.

Tom Brady è stato inoltre capace di essere nominato per quattro volte MVP del Super Bowl, tre volte MPV della NFL e selezionato 13 volte per la Pro Bowl, e 6 volte nella All-Pro. E se tutto questo non bastasse, sua moglie è Gisele Caroline Bündchen, supermodella e attrice brasiliana. Non male.

Insomma, in molti, io stesso, solo per aver come moglie Gisele opterebbero di ritornare in vita come Tom Brady. Max però pensava ovviamente alla solo carriera sportiva avuta dal quarterback, e questo suo desiderio di reincarnarsi in lui, dopo averlo visto giocare nella finale di Superbowl disputata questo mese, il buon Max l'ha espresso su Twitter: “Caro Dio, non so se la reincarnazione esiste, ma se si e tu accetti richieste, posso essere Tom Brady nella mia nuova vita?”. Un post che ha subito ricevuto un retweet di un fan che ha scritto: “Ed io voglio essere come Max Pescatori se accetti richieste”.



Ormai c’è chi sogna di essere Tom Brady e chi Max Pescatore, d’altronde anche la carriera del nostro Pirata non è poi così da buttare, anzi: unico italiano ad aver vinto ben 4 braccialetti alle WSOP, ed uno dei giocatori più vincenti di sempre nel nostro paese con più di 4 milioni di dollari vinti in carriera nei tornei live. senza dubbio uno dei più noti e amati giocatori italiani all’estero.

Che dire, anche tornare in vita come Max Pescatori non sarebbe male, anzi. Personalmente, se potessi scegliere anche io, opterei anche io per Pescatori, ma fra gli italiani. Se allarghiamo il nostro ventaglio di scelta, allora potrebbe essere divertente ritornare in vita come Phil Hellmuth e fare il pavone per aver vinto più braccialetti di tutti alle WSOP. Ma poi, a pensarci bene, non me ne vogliano Max e Phil, mi sa che sceglierei anche io Tom Brady, Gisele non si batte.



Se preferite, poi, come cantava Cristicchi, potreste essere come Biagio Antonacci.