Pubblicato il da Giuseppe "Pidduv" Messineo

Anche Gabriele 'Galb' Lepore è voluto intervenire sulle polemiche nate dopo le dichiarazioni rilasciate da Simone Speranza, a PokerItaliaWeb, appena subito dopo la sua seconda vittoria nell'IPO.

 

Sono passati 20 giorni da quando il brianzolo Simone 'Spera91' Speranza ci aveva detto, durante un'intervista, di non essere sorpreso di aver vinto il suo secondo IPO perché naturale conseguenza dell'enorme lavoro fatto in questi anni. Affermazione che aveva scatenato diverse polemiche in quanto ritenuta, da alcuni regular del poker live italiano, presuntuosa e perfino arrogante.

Sicuramente un'esagerazione dovuta ad un'interpretazione sbagliata della grande sicurezza acquisita nel tempo da Simone. La pensa così anche un grandissimo del texas hold'em azzurro, il pro targato Sisal Poker Gabriele 'Galb' Lepore:

"Ho aspettato che si calmassero un po’ le acque prima di scrivere questo post per non alimentare eventuali flame. Tuttavia, dopo aver letto fiumi di critiche indirizzate a Simone Speranza per il secondo IPO vinto in due anni, ci terrei a dire la mia a riguardo. Per tanto tempo si è detto che gli italiani non fossero al livello dei regular mondiali.

Ora, il fatto che da almeno due anni Musta e Sammartino arrivino costantemente in fondo ai tornei più difficili mi fa pensare che le cose stiano diversamente. Il bello è che non ci sono più soltanto loro due, ma vedo diversi giocatori che stanno venendo fuori. Penso a Marco Iodice, Federico Petruzzelli, 'Tankanza' (che proprio l’altro giorno ha vinto il torneo online più importante al mondo) o allo stesso Simone Speranza e tanti altri che sono veramente forti e che otterranno sicuramente ottimi risultati a livello internazionale.

L’incomprensione di fondo sta nel fatto che gente vede arroganza quando dall’altra parte c’é consapevolezza. Il motivo è molto semplice: quello che per alcuni è ordinario per la maggior parte è semplicemente impossibile. Io invece l’arroganza la vedo in chi pensa di potersi misurare sullo stesso piano, ragionando di poker come si faceva nel 2010, con gente che ha un livello di pensiero enormemente più profondo, che studia, che si aggiorna e che ha delle competenze precise sulla materia.

Dovremmo essere contenti che finalmente qualche italiano stia venendo fuori alla distanza, nonostante i limiti imposti da un mercato chiuso che per anni ci ha penalizzato rispetto ai regular stranieri."

Simone 'Spera91' Speranza
Simone 'Spera91' Speranza


E come dargli torto? Soprattutto perché la lista degli azzurri vincenti diventa sempre più lunga, basta pensare per esempio a Raffaele 'Raffibiza' Sorrentino o al sempre grande Sergio Castelluccio.