Pubblicato il da Giuseppe "Pidduv" Messineo

Ogni giorno nuove vittime! Sono sempre di più i giocatori che in queste ore stanno subendo un attacco hacker ai conti gioco e non solo. L'ultimo in ordine di tempo è stato Stefano Lucci: "Purtroppo è toccato anche a me. Bisogna stare attenti, serve più attenzione!".

 

Non bastava la crisi, il poco traffico ed il mancato arrivo della liquidità condivisa a rendere problematica la vita del giocatore di poker online. Negli ultimi giorni è arrivata anche la piaga hacker! Un 'pirata informatico' sta infatti colpendo in maniera sistematica tutti i regular del '.it' che non sono stati particolarmente attenti alle procedure di sicurezza.

Tante, anzi tantissime, le vittime! Tra le ultime anche Stefano Lucci, che ci ha raccontato quanto gli è successo: "Il 14 di questo mese ho effettuato, dopo un bel po' che non giocavo, un versamento su 888poker. In tutto 300 euro tramite Skrill. Appena depositato mi sono iscritto ad un paio di tornei per un totale di 81 euro. Dopo 10 minuti mi sono però accorto che il mio balance anziché essere di oltre 210 euro era pari a zero.

A quel punto pensando fosse un errore del sistema, mi sono sloggato nella speranza che una volta rientrato avrei ritrovato i miei soldi. Ed invece ho avuto una brutta sorpresa, visto che non sono più riuscito ad accedere al mio conto. Una volta resettata la password mi sono loggato ed ho contattato il supporto che mi ha riferito che risultava una giocata live, su Svizzera-Qatar, da 212 euro.

Morale della favola, conto chiuso e almeno per adesso soldi persi. Il giorno dopo pensando a quanto successo mi sono collegato sui miei conti gioco e anche su Skrill e Neteller. Purtroppo stessa brutta sorpresa, visto che per tutti avevo usato lo stesso indirizzo. Qualcuno era entrato nella mia email e aveva cambiato le pass.

Alla fine ho scoperto che ero stato vittima dello stesso hacker che aveva colpito Giuseppe Rosa, Andrea Sorrentino, Andrea Crobu, Mimmo Cola e Alessio Fratti. Ma la lista è molto più lunga...

Ad entrare nei nostri profili è stato un hacker che si è collegato presumibilmente dal Brasile. Un brutto ceffo che entra nelle mail, nei conti gioco e bancari con l'obiettivo di fregarti tutto nel più breve tempo possibile. E se non ci riesce pensa solo a fare più danni che può giocando al casinò e facendo scommesse con l'intento di bruciare tutti i fondi.

Inoltre si impossessa dei Social come Facebook e chiede soldi a quante più persone possibili."

Stefano Lucci
Stefano Lucci


Insomma, una merda (passatemi l'epiteto). Il brutto è che l'unico modo per difendersi è la prevenzione, visto che una volta caduto nella trappola difficilmente si può recuperare l'intero ammanco. Ne è convinto lo stesso Stefano che ha voluto fare un invito ai suoi colleghi:

"Bisogna stare attenti, serve più attenzione! Invito a mettere doppie password in tutti i conti gioco e soprattutto nella mail di riferimento. Va benissimo usare Google Authenticator o i messaggi sul telefonino perché purtroppo è facile subire attacchi hacker. Il consiglio è lo stesso che mi ha dato il comandante della Polizia Postale che mi ha confermato che una volta subito il danno c'è veramente poco da fare per via delle autorizzazioni internazionali che rendono quasi impossibile trovare il 'pirata' fuori dai confini nazionali.

L'unico modo di proteggersi, lo ripeto, è quello di aumentare il più possibile il livello di sicurezza. Dobbiamo farlo capire a tutti!"