Pubblicato il da Giuseppe "Pidduv" Messineo

Salvatore Bonavena ha tranquillizzato amici e fan dopo l'accusa di esercizio aggravato d'azzardo che gli è stata formulata al termine dell'operazione 'Vibo Poker Tour'. L'ex campione EPT si è detto sicuro di poter chiarire presto la sua posizione e quella del circolo Bellagio Poker Club.

 

Dopo le allarmanti notizie di ieri sull'operazione 'Vibo Poker Tour', portata a termine da Carabinieri e Guardia di Finanza, ci ha pensato lo stesso Salvatore Bonavena a chiarire la sua posizione in merito alla denuncia di esercizio aggravato d’azzardo che gli è stata formulata in quanto legale rappresentante del circolo 'Bellagio Poker Club':

"Ragazzi calma, non mi hanno infangato ne offeso. Hanno fatto il loro lavoro, poi certamente ciò che si è scritto è un offesa a tutto il mondo del Poker Texas Holdem in generale. Non siamo criminali, ne Ndranghetisti. Siamo semplici amanti di un gioco meraviglioso, non siamo perfetti ma ce la mettiamo tutta perché le cose che facciamo siano legali e oneste.

Spero di chiarire al più presto la posizione mia e del Bellagio Poker Club, luogo in cui si va per passare una bella serata tra amici e persone perbene. Il mio desiderio è che tutti vengano a vederci giocare per potersi rendere conto di quanta educazione c’è in questo mondo. Massimo rispetto per Carabinieri e Guardia di Finanza che giustamente fanno il loro onesto lavoro.

Certamente sono un po' risentito con i giornali per alcune inesattezze che al più presto chiariremo. Eravamo lì a divertirci giocando, ribadisco, a Texas Holdem e ci tengo a precisare che non siamo una BISCA ma un circolo con tanto di oneste persone tutte tesserate. Ora basta, non voglio annoiarvi! Chiedo umilmente scusa ai presenti per ciò che è accaduto, voglio dirvi mi dispiace molto e me ne scuso se vi ho creato questo disagio.

Grazie per l'affetto. Spero si chiarisca subito... viva il TH, il gioco più bello!"

Salvatore Bonavena al tavolo da gioco
Salvatore Bonavena al tavolo da gioco


Purtroppo anche il mitico 'Mister EPT' sembra essere una delle tante vittime del caos 'Poker Live'. Da anni infatti il mancato arrivo di un regolamento ufficiale costringe i circoli a vivere in una terra di mezzo dove tutto può accadere, anche beccarsi una denuncia per gioco d'azzardo. Per questo è superfluo fare ogni commento in attesa che si chiarisca la situazione.

Intanto accogliamo con piacere le parole di Salvatore e gli facciamo i migliori auguri affinché tutto si risolva presto e nel migliore dei modi.