Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

Il prossimo 15 di luglio tutti i riflettori saranno puntati sul The Big One for One Drop, torneo che torna finalmente alle WSOP e come al solito avrà un buy-in da 1 milione di dollari, e dove l’8% del totale prize pool andrà in beneficenza. Un appuntamento che tutti più grandi poker pro non mancheranno.


The Big One for One Drop torna alle WSOP e il prossimo 15 di luglio vedrà scendere in campo tutti i più forti giocatori di poker del pianeta e non solo. Un evento che al solito avrà un costo di iscrizioni pari a $1,111,111 e dove l’8% del totale ricavato andrà in beneficenza, il restante sarà messo in palio assieme al braccialetto più ricco che verrà consegnato quest’anno alle WSOP.

Il ricavato da dare in beneficenza sarà come da programma donato all’associazione One Drop, che cerca di portare acqua potabile alle popolazioni che non hanno tale risorsa primaria a propria disposizione. Il primo evento ricordiamo che si giocò nel 2012 e a vincerlo fu Antonio Esfandiari, che incassò più di 18milioni di dollari.

Antonio Esfandiari con la vincita del Big One
Antonio Esfandiari con la vincita del Big One

L’ultimo vincitore invece è stato Dan Coleman, che nel 2014 vinse poco più di 15milioni di dollari. Si sono poi giocati diversi eventi One Drop dal buy-in di 111mila dollari e a vincerli sono stati giorcatori del calibro di Anthony Gregg, Jonathan Duhamel, Fedor Hozl, Doug Polk e di recente il vietnamita Elton Tsang ha vinto più di 12milioni di dollari trionfando nel Ojnde Drop Extravaganza di Montecarlo da 1 milioni di euro di buy-in.

E ora attendiamo solo di conoscere il nuovo campione One Drop, per un torneo, quello in partenza il prossimo 15 luglio, che avrà un cap di 48 giocatori, ma che già ha 30 giocatori iscritti, del calibro di Daniel Negreanu, Phil Hellmuth, Phil Ivey, Antonio Esfandiari, Dominik Nitsche, Steffen Sontheimer, Nick Petrangelo, Rainer Kempe, Jason Koon, Adrian Mateos e Bryn Kenney.