Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

Da Las Vegas a Nova Gorica, al Tana delle Tigri, per far suo finalmente il Tigrotto, inseguito negli anni in più occasioni e oggi finalmente raggiunto e addomesticato, che ora sarà messo a guardia dei quattro braccialetti WSOP vinti in carriera dall’azzurro.


Oltre quattro milioni e mezzo vinti in carriera dal 2002 ad oggi, 224 ITM, più il successo di stasera 225 bandierine totali. Con numeri del genere era difficile non puntare sulla sua vittoria, e infatti alla fine l’esperienza del campione è venuta fuori e il Tigrotto è andato a casa Pescatori.

La ciliegina sulla torta di un evento che ha registrato numeri pazzeschi, per questa terza ed ultima tappa della Mini League Live. Un Main Event che ha fatto registrare 393 entries, 89 re-entry, 304 giocatori unici, montepremi da 102.180 euro, con prima premio 20mila euro. Numeri da applausi, ancora una volta pienamente meritati dallo staff cds eventi e dallo straordinario direttore d’orchestra Claudio De Seriis.

Tornando alla cronaca del Final Day, fra i 35 left tutti a premi che hanno raggiunto questo terzo ed ultimo giorno di gara, c’era anche Diego Testa, che puntava alla doppietta dopo aver vinto la tappa di marzo 2017. Per sua sfortuna il suo evento si è fermato al 27esimo posto. Applausi anche per Monica Poggi, l’ultima donna ad uscire di scena dal Main, out 31esima.

Monica Poggi, l'ultima donna ad uscire dal Main in questa tappa
Monica Poggi, l'ultima donna ad uscire dal Main in questa tappa

Eliminazioni amara invece per Franco Assante, che esce in decima posizione mancando l’appuntamento con il tavolo finale giocato 9-handed. Un tavolo finale che ha visto subito cadere Pietro Mancini e subito dopo Luca Sdrubolini. In settimana posizione è toccato poi a Sandro Bertolini lasciare il tavolo e subito dopo a Ivan Martinello, che ha lasciato a combattere da solo il fratello Andrea.

Rimasti in cinque è toccato a Giovanni Chiofalo prendere la via dell’uscita, ed in quattro si è poi deciso per un deal, ma non prima di vedere Max Pescatori prendere la testa del chipcount raddoppiando su Maurizio Migliorini in una mano dove il Pirata aveva colore chiuso al turn contro scala chiusa al river dal suo avversario, che chiama l’all-in sulla quinta strada del Pirata e paga.

C’è stato poi giusto il tempo per Max di restituirne alcune chips a Migliorini finendo ai resti KK vs QQ. Un colpo che non ha fatto cadere dalla vetta del chipcount il Pirata, che è così riuscito a vincere il Tana delle Tigri per via del deal 4-left. Ed è così che si è conclusa questa tappa fantastica, con la vittoria di Max Pescatori.

Vi ricordiamo infine che il prossimo appuntamento sarà per il 28 marzo con lo speciale evento Freezeout da 550 euro che vedrà anche in gara i vincitori della classifica League Live. Un altro appuntamento da non perdere per chi ama il poker e la formula vincente del Tana delle Tigri.

I quattro finalisti che hanno chiuso il deal finale
I quattro finalisti che hanno chiuso il deal finale

Tana delle Tigri, Main Event - Payout Final Table
Max Pescatori 14.800€* (20.000€)
Maurizio Migliorini 13.800€* (13.500€)
Mattia Campodall’Orto 11.300€* (11.000€)
Andrea Martinello 9.500€* (9.200€)
Giovanni Chiofalo 5.900€
Ivan Martinello 5.000€
Sandro Bertolini 4.300€
Luca Sdrubolini 3.700€
Pietro Mancini 3.200€
*deal