Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

Essere un giocatore cash game (online) è diventata davvero dura, ma non perché il livello ormai è talmente alto che al tavolo trovi solo giocatori capaci, e in tutte le varianti, bensì, sono proprio gli stessi giocatori a scarseggiare. Se poi sei un giocatore stimato, è ancora più dura.


Il poker online si sa, non sta certo vivendo uno dei suoi migliori periodi, anzi, forse da quando è stato introdotto sulle poker room .it, tranne per quella curiosità iniziale, col passare del tempo i tavoli cash hanno iniziato un processo di desertificazione, sopratutto ai limiti più alti.

D’altronde i dati mensili del cash game non sono certo incoraggianti, e non a caso ormai si è presa la decisione di cercare di aprire un mercato comune fra vari stati europei. L’obiettivo è la liquidità condivisa. La speranza è così di dare un nuovo slancio ai mercati ghettizzati.

Nel frattempo ci si arrangia. C’è chi ha scelto la strada dell’estero, puntando al .com, e chi è rimasto in “città” cerca di trovare un po’ di action. A volte però non è semplice trovare degli avversari, vuoi perché scarseggiano, vuoi perché fuggono.

Alessandro ‘Ale.KJ24’ Meloni (al centro) con i suoi amici da 'tavolo'
Alessandro ‘Ale.KJ24’ Meloni (al centro) con i suoi amici da 'tavolo'

Si fuggono. Come successo di recente ad Alessandro ‘Ale.KJ24’ Meloni, che voleva farsi una partita al 200 Omaha ma dopo un oretta si ritrova da solo. “Boh! Mi siedo un'oretta al 200 Omaha e mi lasciano da solo”, è stato il commento del pro sui social, con tanto di foto a testimoniare il “vuoto”.

Certo, qualcuno avrà ben pensato di stare alla larga dal recente campione ICOOP, che lo scorso novembre ha proprio vinto il Main Event dell’evento PL Omaha. Questo suo trionfo di certo non lo aiuterà a farsi degli amici ai tavoli cash game online di Omaha. Alessandro sarà così solo un altro giocatore che soffrirà della “solitudine dei poker pro online al cash game”.