Pubblicato il da Giuseppe "Pidduv" Messineo

Giocando i micro limiti, la maggior parte delle volte, il concetto di thin value va di pari passo con quello di alcune situazioni marginali, per questo si dovrebbero evitare tali spot quando si è agli inizi della carriera da giocatore di poker cash game.


La ragione principale è che non c'è davvero bisogno di queste scelte per fare profitto. Un'altro validissimo motivo è che le vostre abilità post flop dovranno crescere parecchio prima che possiate dire di essere pronti per prendere valore da queste situazioni. Dovrete essere in grado di giocare un buon post flop, avere un'ottima capacità di lettura della mano, e la vostra abilità generale ai tavoli dovrà essere sopra la media.

Ricordatevi che i c.d. fish sono imprevedibili così come i loro range stimati, perciò la maggior parte delle vostre giocate indirizzate ad ottenere thin value semplicemente non funzioneranno, saranno molto più profittevoli quando sarete heads up con un regular piuttosto che contro un random. Questo non vuol dire che non si possa estrarre thin value contro il fish, perché sicuramente è possibile farlo, soltanto che non c'è motivo di farlo dato che questi giocatori ci daranno valore semplicemente grazie alla loro passività e al fatto che, essendo delle calling stations, ci pagheranno spesso da dietro e giocheranno in modo molto prevedibile.

poker onlineLe situazioni marginali sono molto difficili da gestire per i nuovi giocatori, ad esempio avete KJ da UTG? foldate facile! E una starting hand facilmente dominata e diventa una vera trouble hand da giocare post flop. State valutando se chiamare dopo un raise da MP del fish e un call del button quando avete KJ nei bui? Non fatelo per favore, foldate, mani come QJ, KJ, KQ, KT, QT sono conosciuti nel mondo del poker come trouble hands e ci sono validissime ragioni per considerarle così, sembrano tutte ottime mani di partenza, ma sono facilmente dominate e non sono mani con cui vorremo chiamare dei rilanci. Se tutti foldano prima di voi e siete in late position con KQ, ovviamente dovete open raisare, questa non è una situazione marginale, tuttavia chiamare un raise o peggio un re-raise con queste mani non è una buona cosa, giocate le vostre mani migliori e cercate valore, easy game!

Se ad esempio raisate con TJ dallo small blind, il flop è J66 e dopo una continuation bet subite un rilancio, cosa fate? Perchè mettervi in spot marginali in cui dovrete prendere decisioni difficli? Il vostro oppo è un regular tigh, o un random fish? Ha un 6? Ha un J con kicker peggiore o un J con kicker migliore del vostro? Niente di tutto questo è veramente importante ora se si sta solo cercando di battere i limiti, foldate, state valutando se andare rotti con una top pair bad kicker? A meno che villain non sia un maniac (70/40) non vi dovete preoccupare di spot come questi. Non cercate thin value, lasciate andare il flow del gioco e del tavolo giocando facile e andate avanti aspettando gli spot più profittevoli che potrete giocare per valore puro. Una volta che avrete fatto la giusta esperienza e capirete meglio il vostro field e le loro tendenze allora entreranno in gioco anche considerazioni più avanzate rispetto a spot molto più marginali in termini di valore, finché non sarete in grado di battere il limite giocando come vi sto spiegando in questa serie di articoli strategici però lasciate perdere tutto il resto, servirà soltanto a farvi confondere e a trasformare giocate potenzialmente corrette in spewate no sense.

Se avete capito che seguendo questa strategia non si dovrebbe mai open raisare pre flop, da early position una mano come QJ datevi una pacca sulla spalla.