Pubblicato il

Ripeschiamo per voi il video di una mano cash interessante giocata da Alec Torelli contro Joe McKeehen, campione del mondo 2015. In questo filmato Torelli ci spiega alla perfezione il thinking process che gli ha permesso di foldare trips d'assi.


I video di Alec Torelli sono davvero del preziosissimo materiale di coaching. Non scopriamo di certo oggi l'abilità di Torelli, considerato da tutti un ottimo player e anche un ottimo insegnante. Non per nulla il suo libro ha un costo esorbitante. Oggi andiamo a ripescare per voi dal suo canale YouTube una mano interessante giocata contro Joe McKeehen, che come sapete tutti è il nuovo campione del mondo WSOP 2015.


Il video risale allo scorso settembre e rientra nella sua rubrica 'Hand of the day'. Ovviamente in quel periodo McKeehen era per tutti il chipleader dei November Nine e non ancora il campione del mondo. La mano è stata giocata nella trasmissione Poker Night America. Ci troviamo in una partita di cash game con i bui fissati a 25/50$.


Da UTG un McKeehen rasato apre a 175 con AK. Torelli spiega che stava giocando molto solido e gli fa fin da subito una mano forte. Torelli da bottone chiama con AJ♠. I due hanno uno stack profondo e dell'history. Il flop è A♠A♣6. McKeehen punta 300 e Torelli fa call.


Al turn scende un 9 e McKeehen punta forte 900. La puntata è importante e qui Torelli è davvero sulla difensiva, comincia ad annusare il pericolo. Il river è un 7♣. McKeehen punta stavolta 2100 (su un pot di 2800). Torelli spiega che questa è una value bet.


Apprezzate il ragionamento di Torelli che ricostruisce la mano e capisce di essere leggibile dal turn. McKeehen gli deve fare un asso in mano e dunque starà mica cercando di bluffarlo? Torelli lo esclude. Pensa che McKeehen abbia AK o AQ o full ma non A4 o altri assi deboli.


Quando al tavolo Torelli folda i giocatori restano basiti. Ma lui giustamente spiega che non poteva battere nulla. Non si vanta del suo fold ma sostiene che nel long term è la mossa migliore da fare in questo spot. Che dire? Complimenti!