Pubblicato il da Redazione

Durante un torneo di poker live, ci possiamo trovare in una situazione di trouble stack ovvero con circa venti venticinque bui. A questo punto la domanda che ci poniamo e' come possiamo impostare al meglio la nostra strategia di gioco?



Ogni giocatore di poker live ha una propria teoria su come affrontare al meglio una situazione di trouble stack. Noi di Piw abbiamo cercato di sondare il terreno intervistando quattro giocatori professionisti proprio su questo interessante argomento.


Secondo Stefano De Montis alias Delfino74, la situazione migliore per sfruttare al meglio il trouble stack sia quello di trovarsi seduti alla propria destra giocatori molto aggressivi, che giocando moltissime mani ci danno la possibilita' di ottenere il massimo da una nostra mano forte, mentre sono assolutamente da evitare i giocatori molto tight che giocano poche mani.


Anche per il poker players di Pokerstars.it Simone Ruggeri la prima cosa da fare e' capire quali sono i giocatori piu' aggressivi al tavolo da gioco per poter piazzare uno squeeze dopo il loro rilancio, mentre per Cristiano Guerra portacolori di sisal poker la soluzione migliore sarebbe quella di riresare sopra ai giocatori che aprono molto leggeri, oppure si puo' decidere di fare anche un semplice mini raise per cercare di dimostrare una mano forte e iniziare a prendersi la fiducia al tavolo da sfruttare poi in mani marginali.


Per Mustapha Kanit membro del team di enjoybet.it, la miglior strategia per giocare in una situazione di trouble stack e' quella di giocare molte mani in posizione sopratutto con le carte migliori, giocarle in maniera aggressiva prendendo di mira i giocatori su cui si ha il vantaggio di essere in posizione.


Questi quattro giocatori professionisti hanno espresso la loro opinione, ma tu cosa ne pensi?