Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

Grande soddisfazione per la comunità pokerista brasiliana, grazie alla decisione presa dalla Corte di Giustizia di Rio de Janeiro, che ha riconosciuto il poker come Mental Game.


Importante battagli vinta dal CPPD, il Pan American Confederation of Sports Poker, che ha ottenuto il riconoscimento dalla Seconda Camera Penale della Corte di Giustizia dello Stato di Rio de Janeiro, che ha dato risposta affermativa per quanto riguarda l’inserimento del poker fra i giochi mentali.

Una vittoria per la Pan American Confederation of Sports Poker, che ha così commentato l’accaduto: “L’aver riconosciuto il poker come gioco di abilità e non di fortuna per noi è una grande vittoria. Per noi si tratta di un successo importante, un altro piccolo passo verso la legalizzazione del poker. Una battagli lunga, difficile, ma vinta”.

Un traguardo raggiunto dopo oltre dieci anni, in cui il CPPD ha dovuto raccogliere tutto il materiale possibile per far valere le proprie idee, arrivando anche a portare un giudice ad assistere per un’intera giornata un torneo di poker. L’uomo di legge ha poi iniziato a documentarsi su ciò che aveva visto, iniziando anche a prendere lezioni di poker private per capire meglio l’argomento.

Un successo che per il Brasile vale l’apertura di nuovi club, la realizzazione di nuovi tornei, sponsorizzazioni, turismo. Rio de Janeiro era infatti l’unico stato in Brasile in cui il poker era ancora vietato, e se pensiamo che nella sola città di Rio ci abitano oltre 6 milioni di persone, per il poker significa un gran potenziale.

Per tutte le news sul poker restate 'sintonizzati' con la nostra home o entrate nel nostro canale Telegram Notizie Poker per vivere il poker online e live da protagonisti.