Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

L’Italia alle recenti WSOP di Las Vegas, per il secondo anno consecutivo, non ha brillato, chiudendo con zero titoli. Tuttavia, in molti ricorderanno questa edizione delle Series per il ritorno di Dario Minieri. Ma ora, quando lo ritroveremo di nuovi ai tavoli live?


In molti si aspettavano magari di vederlo nuovamente in azione al recente Pokerstars Championship disputato a Barcellona, dove la presenza azzurra, come ogni anno, è stata massiccia. Ma Dario Minieri nella città catalana non si è fatto vivo, d’altronde a Las Vegas, il suo ritorno al poker che conta, non è stato dei migliori, dato che il giocatore romano ha chiuso la sua avventura con zero ITM. Forse se avesse centrato qualche risultato degno di nota alle WSOP, avrebbe potuto optare di giocare anche il PSC. Ma le Series si sono concluse con un nulla di fatto.

Lui che alle WSOP, dal 2006 al 2013, ha collezionato 10 ITM in carriera, vincendo anche un braccialetto nel 2008, e incassando in totale più di 750mila dollari. Poco meno della metà dei suoi guadagni totali in carriera, ovvero 1,900,979 dollari. Uno score che gli permette di essere ancora fra i 12 giocatori italiani più vincenti di sempre, nonostante dal 2014 ad oggi abbia solo centrato 3 ITM per poco più di 4,700 dollari messi in cassa.

La sua carriera pokerista ha subito una parabola discendente, è sotto gli occhi di tutti, complice l’addio a Pokerstars e la battaglia con il fisco italiano. Un destro e sinistro che hanno messo ko Dario, ma che ora sta provando a rialzarsi, anche se a quanto pare non è ancora pronto per infilarsi di nuovo i guantoni e lottare contro i migliori, come lo dimostra il suo ritorno alle WSOP, possibile grazie anche ad una parziale vittoria con il fisco.

Dario Minieri e la sua fidanzata Ylenia
Dario Minieri e la sua fidanzata Ylenia

Ma di certo la sua mancata presenza ai tavoli dei maggiori tornei di poker live del pianeta, non è dovuta solo a causa della battaglia legale contro il fisco, ovviamente, il suo rendimento, al di sotto delle sue potenzialità, ha contribuito al suo allontanamento dal poker che conta.

Ora però la speranza è che Dario si sia finalmente rialzato e che le WSOP non siano solo una parentesi, un “One Shot”, che il player romano si è voluto concedere dopo aver vinto lo scorso novembre 17,500 euro in un torneo disputato in Italia (non tracciato da Hendonmob). La speranza è che quella vincita non sia servita a Dario per volare a Las Vegas appena un mese fa, ma che Dario Minieri abbia un “planning” diverso per il suo ritorno nell’élite mondiale del poker, perché quello è il posto che dovrebbe occupare. Dovrebbe essere lì a giocare contro i migliori i tornei più duri del pianeta, e noi non dovremmo essere qui ad esultare solo per un suo ritorno ai tavoli live.

Sappiamo che potrà farcela a tornare sul tetto del mondo, anche grazie alla sua nuova compagna, Ylenia, che certamente ha portato nuova serenità nella vita di Dario. E ad entrambi facciamo i nostri migliori auguri, che magari un giorno possano diventare una “famiglia” “allargata” (perché l'Italia del poker ha bisogno di nuovi campioni ;-)!). Ora però la speranza è che Ylenia sappia sostenere Dario e lo aiuti in questa sua rinascita pokeristica.