Pubblicato il da Francesco "Straydog" Healy

D recente l’azzurro braccialettato Rocco Palumbo ha pubblicato il grafico del suo rendimento alle recenti SCOOP in corso su PokerStars.com, che appare tutto in discesa. Alla voce guadagno c’è un poco incoraggiante meno €49.032.


Le SCOOP su PokerStars.com sono giocate da tutti i più forti giocatori di poker online al mondo, un appuntamento che anche i nostri connazionali durante l’anno non vogliono perdersi, tanto che in molti si sono trasferiti all’estero proprio per giocarle. Ma essendo il field un tantino più duro, data la presenza di molti ‘squali’, ci sono anche maggiori probabilità di fallire.

Rocco Palumbo rientra decisamente nel gruppo di quelli che a queste SCOOP sul .com stanno decisamente fallendo. “Ci sono momenti in cui amo essere un poker player… e poi ci sono le SCOOP”, scrive sul suo profilo Facebook, postando anche il grafico dei suoi ‘disastri’ ottenuti dal 7 maggio al 15 maggio.

Nel grafico Sharkscope di ‘sephir0t’, questo il nick usato online dall’azzurro Rocco Palumbo, sono poche le voci non in rosso. Il ROI totale segna un -65,4%, mentre alla voce guadagno spicca un -€49.032. In tanti hanno poi commentato il post pubblicato da Rocco e in tanti hanno incoraggiato e preso in giro l’amico, fra questi Alessandro ‘Bubukonan’ Fasolis che scrive: “Se non ricordo male itm 20% è tanta roba”. C’è poi Cristiano Guerra che commenta: “Anche se bro abilità 66 forse è anche alta per te hauhauahu”. E ancora Alessandro Borsa: “I tuoi fan ti sono vicini… tu sei l’orgoglio del poker italiano”; Treccarichi: “Non mollare Roccone nazionale”; Dave Nutarelli: “Non sono ancora finite…”.

Infine, fra le ultime a commentare anche Giada Fang: “Come ti capisco, non vedo l’ora che finiscano”. Anche l'ex Team Pro online di PokerStars.it ammette dunque i suoi fallimenti in queste SCOOP. Ma noi, nonostante i risultati poco brillanti di entrambi, facciamo lo stesso i complimenti a Rocco Palumbo e Giada Fang, perché sono tra i pochi poker pro che non hanno paura di parlare anche delle loro sconfitte ai tavoli. Ora però attendiamo le vittorie.