Pubblicato il

armando_drcox88_la_rocca_pro.jpgIn questo articolo Armando "dr.cox88" La Rocca, pro del team Winga Poker, ci parla di uno dei concetti più importanti che un giocatore di poker online alle prime armi deve imparare: il poker è un gioco di range contro range.




Ad alcuni questa affermazione, come dice lo stesso dr.cox88, potrà sembrare banale o priva di significato, eppure questa piccola frase racchiude in se il nocciolo della strategia di gioco sia del poker texas hold'em online che live.

Quella che segue è la prima parte del trattato scritto da Armando La Rocca per il blog ufficiale di Winga Poker. Troverete nei prossimi giorni, sempre nella home e nel forum di PokerItaliaWeb, la seconda ed ultima parte dell'articolo.


armando_drcox88_la_rocca.jpg

Armando "dr.cox88" La Rocca


Il poker è un gioco di Range vs Range!

"Ogni volta che un avversario esegue una mossa ci dà un’informazione sulla mano che possiede. Ogni giocatore ha determinati range con cui fa determinate mosse, è quasi sempre sbagliato polarizzare la mano del nostro avversario su un singolo tipo di mano: uno degli errori più comunemente fatti dai principianti è quello di dire, ad esempio “ti facevo AK” quando invece un avversario non farà mai una giocata specifica con una singola mano ma con un range di mani, e noi dovremo ottimizzare la nostra giocata di risposta non contro la singola mano ma contro il range di mani possibili del nostro avversario.

Grazie a questo principio è facile intuire perchè giocare in posizione sia sempre molto più profittevole che giocare fuori posizione: il nostro avversario parlerà prima di noi, e la sua mossa delineerà il suo range di mani in maniera più chiara.


winga_poker_tavolo.JPG

Uno dei tavoli online di Winga Poker


Phil Ivey, uno dei giocatori più forti al mondo, ha dichiarato che persino sua nonna potrebbe batterlo se giocasse sempre in posizione su di lui, questo basta a rendere l’idea di quanto siano importanti questi concetti.

E’ chiaro quindi che una delle più grandi abilità che possiamo sviluppare nel gioco del poker è quella di imparare a “leggere” la mano dell’avversario, carpire le informazioni che ci sta dando con le sue mosse e utilizzarle per delineare meglio il suo range. Una volta delineato il suo range, potremo facilmente creare un’azione di risposta.

Facciamo un esempio. L’altro giorno ho giocato un SNG Heads Up contro un giocatore occasionale, che ogni tanto mi sfida nelle partite da 100€. Questo avversario da bottone gioca in modo semplice: se ha una mano buona rilancia, se ha una mano media e speculativa fa solo call e solo con una mano molto molto molto brutta folda direttamente.


armando_drcox88_la_rocca_ipt.jpg

dr.cox88 durante un torneo di poker live


I bui erano 10/20 e avevamo ancora entrambi lo stack iniziale. Io mi trovo sul bottone con As8h (Asso di picche e 8 di cuori). Lui fa solo call. Questa è una prima informazione per me: infatti so che quando lui fa questa mossa avrà molto spesso una mano media e speculativa che non vuole giocare rilanciando ma che nemmeno vuole foldare, come ad esempio 68o, 45s e un’infinità di altre mani medie.

Io rilancio a 80 chips e lui fa call. Quando chiama il mio rilancio ipotizzo che dal suo range scompaiano le mani peggiori che c’erano prima, per esempio T5o, 63o con cui magari sperava di vedere il flop e valutare in posizione. Al contrario, avrà molto più spesso dei suited connectors perchè sono mani che giocano molto bene postflop e lui vuole vedere il flop sperando di legare un qualche punto.

Il flop è Ah3s5h (Asso di cuori, 3 di picche e 5 di cuori). Io sono fuori posizione e ho preso l’iniziativa preflop, il piatto è di 160 chips e decido di puntare 90 chips (poco più di mezzo piatto) per vincerlo direttamente, o per farmi pagare le volte che ha un progetto di colore o di scala.


:winga200:

Scarica Winga Poker


Lui fa call. Credo che raramente lui qui abbia un asso, visto che con quasi tutti gli assi avrebbe rilanciato preflop, ed è anche molto difficile che abbia una doppia coppia o una scala visto che con 53o e 42o sono sicuro che avrebbe foldato preflop direttamente o quantomeno dopo il mio raise.


E’ possibile che abbia un set (33 o 55), ma sono poche combinazioni di mani, inoltre mi aspetto che qualche volta rilanci preflop con queste mani". Fine prima parte



PokerItaliaWeb Staff