Pubblicato il

misclick.jpgA chi non è capitato, durante una sessione di gioco di poker online, di premere per sbaglio un tasto al posto di un altro, foldare invece di rilaciare o viceversa? Purtroppo anche il "missclick" fa parte di questo splendido gioco.

In questo articolo è il pro della poker room Winga Poker, Alessandro Zamboni, a parlarci di un divertente caso di misclick capitato durante una durissima sessione di gioco con tantissimi tavoli aperti contemporaneamente. A seguire l'interessante racconto di Zambo19O3 postato sul suo blog personale tenuto sul sito ufficiale di Winga Poker.


alessandro_zamboni_pro.jpg

Alessandro "Zambo19O3" Zamboni

Due "missclick" andati a buon fine

"Nell'articolo di oggi vi voglio raccontare una situazione abbastanza divertente che mi è capitata un po’ di mesi fa, quando mass-tablavo sit&go. Giocando più di 20/25 tavoli contemporaneamente è inevitabile che ogni tanto ci scappi qualche "missclick", cioè schiacciare qualche tasto che non vorremmo schiacciare, come ad esempio il tasto “fold” preflop quando abbiamo AA o quando abbiamo settato al flop, perdendo così valanghe di chips.

Ogni tanto, però, succede anche il contrario, e cioè che proprio grazie a dei missclick riusciamo a mettere le mani su piatti insperati, o perchè la nostra mano mediocre risulta la migliore dopo uno showdown che, in teoria, non avremmo dovuto giocare, oppure perchè la nostra azione aggressiva (e molto spesso “strana”) fa foldare i nostri avversari.

Tra tutti i missclick che mi siano mai capitati in più di 60,000 sit&go giocati, però, ce n’è uno che difficilmente dimenticherò, e che oggi vi voglio raccontare. Non mi ricordo quale fosse il buy-in del sit&go, ma al tavolo eravamo ancora in 8, i bui erano 50/100 ed avevo più o meno lo stack iniziale. Al tavolo con me tre “regular” che conosco anche personalmente ed altri 4 giocatori sconosciuti, o comunque non giocatori abituali.

In quell’occasione stavo giocando “stacked”, cioè con i tavoli uno sopra l’altro e che venivano portati in primo piano al momento in cui era richiesta una mia azione per poi tornare nascosti in fondo alla pila. Quando il tavolo in questione mi viene “popuppato” mi trovo di grande buio con in mano 7-2o ed il piatto che è stato rilanciato. Proprio uno dei miei amici, dall’hijack aveva aperto a 125 chiamato da un giocatore sconosciuto sul bottone. Ovviamente il mio sarebbe uno standard fold ma per sbaglio clicco su “raise”, senza nemmeno impostare la size. Il software, quindi, mi fa fare il rilancio minimo a 200 che è, ovviamente, una giocata totalmente priva di senso.


winga_poker_tavolo.JPG

Uno dei tavoli di poker online della poker room Winga Poker


“Boh, avrà gli assi” avrà pensato il mio amico di fronte ad una giocata così bizzarra, ma il rilancio è talmente basso che non può esimersi dal callare, e lo stesso fa il secondo giocatore. Il piatto, nel frattempo è lievitato a 625, quasi la metà del nostro stack di partenza: decisamente uno scenario inusuale in un sit&go turbo a questo livello di bui. Maledico il missclick e le 200 chips buttate, ma ovviamente non ci penso troppo su; in fondo ho pur sempre un’altra ventina di tavoli che continuano a “popupparsi” chiedendo la mia azione. Ogni tanto il tavolo in questione riappare, per chiedermi l’azione post-flop.

Sono fuori posizione rispetto ad entrambi ed ovviamente faccio “check” sul flop 9-5-3 rainbow, preparandomi a fare “fold” a qualunque azione di uno dei miei due avversari. Evidentemente, però, non si fidano troppo di quel mio strano rilancio e fanno entrambi “check”, perchè il tavolo mi viene “popuppato” nuovamente quando siamo al turn: è sceso un asso, che apre un possibile flush draw a fiori. La mano rimane priva di interesse per me, così faccio nuovamente “check” con le stesse intenzioni che avevo sul flop. Ma ancora nessuna azione da parte dei miei avversari.

Siamo al river, con il piatto sempre fermo a 625 chips, tutti noi praticamente “committati” nel momento in cui decidessimo di fare un’azione qualsiasi ed io ancora con 7-2o in mano. Faccio sempre check sul river 8 di picche (board completo 3p 9q 5f Af 8p) e, finalmente, il giocatore sul bottone, dopo 8 check punta 650 chips (addirittura più del piatto stesso, restando con 1,000 chips dietro, committato a tutti gli effetti) e io faccio ovviamente fold.


alessandro_zamboni.JPG

Zambo19O3 in un eveto di poker live


Ho detto “ovviamente”? Ho detto “fold”? Sì, ho detto “fold”….ma com’è, come non è, il mouse mi è finito nuovamente sul tasto sbagliato: “ALL-IN”!!!! Proprio così! Dopo aver sbagliato facendo un rilancio senza senso (sia per la size che per la mano che avevo) un nuovo missclick, nello stesso tavolo e nella stessa mano, mi porta a pushare 1,200 chips con “7 carta alta” su un board in cui non posso davvero pensare di poter rappresentare nulla e contro un avversario che si è committato puntando 650 chips alle quali dovrebbe aggiungerne meno di 600 per vedere il mio insulso rilancio. Ma dopo aver dato fondo a quasi tutto il timebank, incredibilmente, folda e il mio “7 carta alta” mi ha fruttato un piatto da 2,500 chips :-)".

Se vuoi restare sempre aggiornato sull’andamento dei tuoi beniamini del poker online, vieni sul nostro forum e attraverso i nostro threads specializzati sul poker online sarai informato su tutto. Discuti questa e tutte le altre news sul Forum di PokerItaliaWeb. CLICCA QUI e lascia il tuo commento.

Scritto da Giuseppe "Pidduv" Messineo