Pubblicato il da Redazione

Il Ceaser Palace e' sicuramente il paradiso del gambler e dei giocatore di poker di tutto il mondo. E' uno degli alberghi Americani più lussuosi e frequentati e si trova al 3570 di Las Vegas BLVD South, sulla mitica strip.


Di proprietà della Harrah’s Entertainment, che detiene anche il marchio WSOP, vanta 3349 stanze (le ho contate personalmente una per una!)  divise in cinque torri: Augustus, Centurion, Forum, Palace e Roman.  In pratica sembra di girare nel centro storico di Roma. Le suite sono degli appartamenti di 90 metri quadrati. Le varie sale da gioco a disposizione degli ospiti formano una metratura di 15 chilometri quadrati! Una specie di record! E di record si tratta anche del debito della società. Ben 20 miliardi di dollari! (fonte Las Vegas Review-Journal) Ma come fai a creare una voragine di 20 miliardi di dollari? Va bhe che l’industria del gioco è in forte crisi, ma ragazzi miei fermatevi un attimo a riflettere che finite per mangiarvi anche le fondamenta del palazzo di cesare.


Soluzione per rimediare al problema? Ovvio, vendere i debiti! In un comunicato stampa il gruppo mette in vendita 1,5 miliardi di dollari di capitale sociale per poter pagare le tasse e rimborsare alcuni prestiti (alle banche spero, non agli strozzini!) Insomma se volete acquistare una fetta di debito del Palace non vi resta che fare una ricarica con PayPal a Cesare.

Alessandro PasturaA proposito di PayPal, ma lo sapete chi è il loro nuovo testimonial? Alessandro Pastura, il mitico capitano del team pro di Lottomatica, nonché apprezzato e stimato conduttore di Poker Italia 24. La multinazionale delle transazioni online, investe nel mondo del poker. Abile mossa commerciale visto l’incredibile mole di denaro che transita online ogni giorno sulle poker room online. Soddisfazione sia da parte di Pastura, che si dichiara in pieno accordo con l’obbiettivo di PayPal di diffondere la cultura del gioco responsabile e consapevole, sia da parte di Angelo Meregalli, general manager di PayPal Italia.


A breve mi aspetto che anche PostePay scenda in campo. Le Poste Italiane potrebbero ingaggiare qualche pro nostrano. Magari un giorno vai in posta a pagare la bolletta del telefono e senti Lacchinelli che urla “VAMOSSSS!” alla vecchietta che ritira la pensione, oppure vedi Dario Minieri che ti dice che per pagare il canone Rai devi avere un roll adeguato, ed evitare sempre di fare la fila fuori posizione, per non essere outplayato dai pensionati che tentano di avanzare con l’inganno.

E se, oltre al poker, amate anche le serie televisive americane, non potete perdervi CSI – Scena del crimine. Per i pochi che non lo sapessero le vicende della serie ruotano attorno alle indagini della squadra della scientifica di Las Vegas. E finalmente anche li una puntata parlerà di poker! In un prossimo episodio un giocatore di poker verrà accusato di truffa e gli sarà chiesta la restituzione di soldi che lui ovviamente si guarderà bene dal restituire. Forse verrà ucciso e seppellito nel deserto del Nevada, forse sarà obbligato per il resto della vita a giocare HU contro Jeamie Gold o forse verrà torturato a morte con il dealer button, questo non posso dirvelo per non svelare la puntata che verrà trasmessa negli States da CBS il 27 febbraio.

Marco Zanini