E’ arrivata la recessione anche nei giochi online?

È ora di guardare in faccia la realtà e iniziare a parlare di recessione anche nel settore dei giochi online. Infatti sono diversi mesi che il gioco online descresce, con pesanti rallentamenti sia il poker online che per gli altri giochi legali in Italia.

Home » Poker Live » Editoriali » E’ arrivata la recessione anche nei giochi online?

È ora di guardare in faccia la realtà e iniziare a parlare di recessione anche nel settore dei giochi online. Infatti sono diversi mesi che il gioco online descresce, con pesanti rallentamenti sia il poker online che per gli altri giochi legali in Italia.

 

I dati vanno letti e purtroppo mi sono accorto in questi mesi che moltissimi analisti del settore, sfornano continuamente dati positivi, tenendo in considerazione pero' valori che non servono a descrivere seriamente l'andamento di questo settore. Il primo dato che viene preso in considerazione e' quello inerente alla raccolta, sopratutto nel poker cash game e nei casino' online, un dato che se letto da occhi inesperti fa' credere che questi due giochi siano diventati “la vera miniera d'oro” dei giochi online italiani, ma omettono di dare lo stesso risalto al dato relativo alle vincite dei giocatori e quindi ai soldi restituti durante in gioco, che portano quindi ad un ricavo totale complessivo per lo stato e per i gestori delle sale di poco superiore al ricavo effettuato dal settore ippico, settore in crisi da diversi anni. Il secondo dato preso in considerazione e' la comparazione tra l'anno 2011 e il 2010. Mi domando pero' come sia possibile comparare l'anno 2010 in cui si giocava in Italia esclusivamente a poker online nelle modalita' a tornei, sit-go ed heads up, e dove la raccolta mensile superarava i 200 milioni di euro, con l'anno 2011 dove e' stata introdotta anche la variante poker cash game e quindi la raccolta e' notevolmente aumentata, ma dove anche la vincita dei giocatori e' cresciuta. E' quindi inutile fare paragono con aumenti del 100% rispetto al 2010, perche' sono dati “poco” attendibili.

 

 

 

 

Come mai i giochi online sono tutti in forte calo?

 

Iniziamo subito a  sottolineare che la fortissima recensione che ha colpito l'Italia e il resto del mondo, inizia a farsi sentire anche nel settore dei giochi online,solitamente uno dei settori che invece risentiva di meno delle crisi economiche, ed anzi molto spesso aumentava. Ma questa crisi e' diversa dalle altre affrontate in questi anni, ed e' la prima che colpisce direttamente anche il giovane settore dei giochi online, nato anni fa con le scommesse sportive, poi arricchito dal poker online, quindi dal bingo online, ed infine dai casino' online. In questi anni abbiamo assistito ad aumenti consistevoli per questo mercato online, molti dei quali dovuti alla legge votata dal governo nel 2007, che imponeva rigide regole agli operatori online che volevano operare in Italia, e che andava a contrastare pesantemente tutti gli operatori sprovvisti di una regolare licenza per operare in Italia. Ma questi aumenti dal mese di Settembre 2011 si sono fermati e in molti casi sono iniziati i primi decrementi che sono poi continuati nei mesi di Ottobre, Novembre e Dicembre, mesi solitamente molto redditizi per il gioco online.

 

Basta legalizzare nuovi giochi!

 

“Credo che non sia piu' necessario legalizzare nuovi giochi, in Italia ormai i giochi sono troppi e legalizzati in un arco di tempo troppo breve, racchiusi in un mercato troppo piccolo, e prima o poi la bolla dovra' scoppiare”, Queste sono le parole che mi ha pronunciato circa tre mesi fa' un famoso analista e che credo “calzino a pennello” con la situazione che si e' venuta a creare in Italia. In soli tre anni sono stati legalizzati troppi giochi, dalle nuove Vlt, al poker, dai casino al bingo, dalle lotterie ai gratta e vinci, dal Win for life al nuovo Lotto e a breve partiranno le lotterie nei supermercati, senza dimenticarci che sono anni che si aspetta un nuovo regolamento per il poker live, e che a breve partiranno altri 7000 corner validi per le scommesse sportive, il tutto in una nazione di soli 60 milioni di abitanti.

 

Il poker online a torneo da superstars a semplice comprimario perde oltre il 50% della raccolta

 

I dati parlano chiaro, nel mese di Dicembre del 2010 il poker online nella versione a torneo aveva raccolto 257 milioni di euro in crescita di circa il 5%, la raccolta nel mese di Dicembre del 2011 e' stata invece di 130 milioni di euro stabile rispetto al mese precedente. E' evidente che la partenza della specialita' poker cash game avvenuta a luglio ha praticamente dimezzato la raccolta in questa specialita' decretando in molte poker network la “scomparsa” di giocatori nelle specialita' sit-go ed heads up.

 

 

Il poker cash game da un successo annunciato, passando per una forte crisi di liquidita'

 

Il mese di Agosto faceva intravedere per il poker cash online uno splendido avvenire con una raccolta che in un mese “tecnicamente” difficile come quello di Agosto aveva superato i 900 milioni di euro, ma gia nel mese di Novembre la raccolta era diminuita a 825 milioni di euro, e nel mese di Dicembre e' passata a 700 milioni di euro. In soli cinque mesi la raccolta ha lasciato per strada ben 200 milioni di euro, ed ha perso oltre il 20% della propria quota di raccolta. I giocatori italiani che da prima si sono “buttati a capofitto” nella nuova specialita' hanno capito con il passare dei mesi che il poker cash game e' un gioco completamente diverso dai tornei e in molti casi ha decretato il prosciugamento del loro “bankroll”. Questo ha determinato per pochissimi giocatori esperti di poker cash game fortissime vincite, ma per per la maggior parte dei giocatori ingenti perdite, che sommate alla mancanza di liquidita' dovuta dalla crisi economica e da un mercato troppo piccolo come quello italiano, ha portato il poker cash game in breve tempo dalle “stelle” alle stalle”

 

Casino' Online, tante aspettative andate in fumo

 

Il settore dei casino' online secondo i maggiori analisti che ogni mese “sfornano” dati, doveva essere il vero fiore all'occhiello nel comparto dei giochi online. Ricordo previsioni che annunciavano la raccolta dopo poco mesi dall'introduzione dei casino' online in Italia intorno ai 900 milioni di euro mensili proprio come il poker online, mentre i dati di Dicembre 2011 parlano di un raccolta di “soli” 150 milioni di euro. La ragione di questa debacle e' semplice, la mancanza delle slot machines sicuramente ha influito sui pessimi risultati ottenuti dai casino' italiani, come la possibilita' per i giocatori italiani di trovare facilmente un casino'.com dove giocare ad oltre 500 giochi disponibili, mentre in casino' italiani dispongono a mala pena di 30 giochi online. Ma il vero problema per il successo dei casino' online deriva dalle slot machines e dalle nuove Vlt, oltre 500 mila macchinette sparse per tutta la penisola, dove si puo' giocare tranquillamente con soldi cash ad una vasta gamma di giochi comprese le slot machines.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Comparatore Poker

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: Bonus del 300% fino ad un massimo di €1200

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: 20€ subito e un bonus del 300% fino a  €1.091 

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: 300% fino a  €1.050 + €7 in Token e € 15 per altri giochi 

Senza deposito: €8 Gratis

Con deposito: Bonus del 100% fino a €1500 codice bonus SUPER15

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: Bonus del 100% fino a €1000 +5€ in Tickets +25 Free Spin