Poker Editoriale: Poker Online Italia? non vedo, non sento, non parlo!

Avete presente la scimmietta che viene raffigurata con il motto non vedo, non sento non parlo? Direi che potrebbe essere perfetta per rappresentare il momento del poker online italiano, dove chi deve intervenire purtroppo non vede, non sente e non parla.

Avete presente la scimmietta che viene raffigurata con il motto non vedo, non sento non parlo? Direi che potrebbe essere perfetta per rappresentare il momento del poker online italiano, dove chi deve intervenire purtroppo non vede, non sente e non parla.

 

I problemi di mancanza di liquidità e di giocatori che in questi ultimi anni si sono “abbattuti” sul poker online “made in Italy” sono sotto gli occhi di tutti, con un calo della raccolta che, per quel riguarda il poker online, si aggira intorno al meno 50% e per quel che riguarda i tornei di circa il 25%. Va sottolineato poi che per “tenere a galla” la variante sit-go la poker room online leader in Italia ha introdotto la modalita’ Spin & Go che, lasciatemelo dire, ha ben poco di poker e molto di azzardo.

Ogni domenica si registano tornei garantiti su quasi tutti i poker network italiani che non riescono a coprire il montepremi, tavoli vuoti nella variante poker cash in molte ore della giornata  e sopratutto una mancanza di ricambio giocatori che ha difatto costretto moltissimi players italiani ad emigrare a Malta, Gibilterra, Slovenia e Londra  per poter giocare liberamente a poker online nelle sale cosi dette.com.

Ma c’e anche un rovescio della medaglia, mentre le sale .it sono sempre meno popolate, esistono sale.com prive di licenza Aams che sono popolatissime di giocatori italiani che senza nessun problema giocano dall’Italia aggirando il blocco del Monopolio.
 

Ma a quanto pare chi deve intervenire per cercare di risolvere la situazione che ormai mese dopo mese diventa sempre piu’ drammatica, con un calo continuo della raccolta e peggio ancora degli investimenti che le grandi societa’ di gioco spostano dal segmento poker ai piu’ remunerativi segmenti delle scommesse sportive e dei casino’ online.

Poker Online

poker Online

Se pensiamo che anche la piu’ grande poker room online in Italia ha deciso di inserire nel proprio portale la possibilita’ di giocare ai giochi da casino’ e a breve inserira’ anche le scommesse sportive, possiamo capire che la situazione per il poker online e’ molto grave non solo in Italia e nei mercati Europei “legalizzati” ma la perdita di questo gioco e’ costante da qualche anno anche nelle sale.com che in questo caso risentono sopratutto del blocco imposto dagli Stati Uniti al gioco online.

 

Ma tornando al panorama italiano, mi domando perche’ chi deve agire per cercare una soluzione fa finta di non vedere che la situazione e’ molto grave e che nel giro di pochi anni se nulla cambia si potrebbe assistere alla moria delle sale.it che se non riescono a diventare un minimo remunerative diventano un “costo” per gli operatori che potrebbero anche decidere di non proporre piu’ il poker online.

Si fa finta di non sentire le tante lamentele che arrivano sia dai giocatori, relegati a giocare solo contro altri italiani e con tornei che sicuramente non possono competere con quelli offerti dalle poker room online.com, sia dai concessionari che da una parte sono costretti a seguire appieno le rigide regole imposte dalla nostra legislazione, ma dall’altra ad assistere impotentemente alla facilita’ con cui un giocatore italiano puo’ infrangere le regole e giocare impunemente nelle sale prive di concessione italiana.

Nessuno parla… nessuno dice nulla e tutto prosegue giorno dopo giorno nello stesso modo, sale mezze vuote, tornei garantiti che non riescono neppure a coprire i garantiti sempre piu’ bassi e una situazione di “impotenza” e di “desolazione” che tutti avvertono in questo settore.

La domanda che pongo a chi deve decidere le sorti del poker online in Italia e’ la seguente “Aspettiamo che questo gioco non interessi piu’ a nessuno, ai giocatori, alle sale e a tutti noi portali d’informazione o magari si potrebbe pensare di rendere questo gioco piu’ appetibile semplicemente aprendo la liquidita’ prima di tutto alle nazioni che hanno adottato una legislazione simile alla nostra (Francia e Spagna e ora Portogallo) e poi creare delle sale.eu ? O, come sempre, facciamo finta di NON VEDERE, NON SENTIRE, NON PARLARE?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perderti le ultime notizie da Poker Italia Web
© 2024 Pokeritaliaweb.org - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Via Cassala 55, 20143, Milano - Tutti i diritti sono riservati - info@pokeritaliaweb.org