Poker live: Nessun decreto prima del 2011

Ormai è certo che per il poker live in italia la vita è sempre più difficile. Si attendeva per il 2010 una regolamentazione che avrebbe dovuto legalizzare il poker live nei circoli italiani….ma cosi non e’ stato!

Home » Poker Live » Editoriali » Poker live: Nessun decreto prima del 2011

Ormai è certo che per il poker live in italia la vita è sempre più difficile. Si attendeva per il 2010 una regolamentazione che avrebbe dovuto legalizzare il poker live nei circoli italiani….ma cosi non e’ stato!

 

 

 

In questo fine anno 2010 ci si aspettava dal Governo, ma sopratutto dai Monopoli di Stato, che la problematica poker live fosse discussa ed analizzata per poter rientrare nel Decreto Milleproroghe di questo dicembre. Ed invece niente.

 

Anche in questo caso il tanto bistrattato poker live non ha avuto la considerazione che merita, se è vero com’è vero che sono tantissimi i giocatori in tutta Italia che aspettano impazienti che un regolamento venga finalmente discusso, ed approvato, per permettere loro di ritornare a giocare a poker in piena legalità.

 

tavolo da poker vuoto
Le sale da poker in Italia sono destinate a rimanere vuote

 

Voci di corridoio fanno intendere che il poker live non sarà preso in considerazione da parte degli organi statali se non dopo l’esordio del gioco cash game online. Spazio all’online insomma, fonte di reddito sicura, ed in costante crescita, per le poker room e lo Stato.

 

Del resto con il blocco del poker live, il gioco via web agisce in regime di monopolio non avendo praticamente nessun concorrente a sottrargli giocatori. O si gioca online o non si gioca a poker. Questo è il diktat che il governo italiano impone ai propri cittadini giocatori e appassionati di questo gioco.

 

Questo sorta di indifferenza da parte delle istituzioni farebbe pensare ad un mercato che non avrebbe sbocchi e dallo scarso potere commerciale. Cosa assolutamente non rispondente alla realtà dei fatti. Basti guardare i dati di presenze e raccolta degli svariati tornei a buy-in contenuti che ogni mese fanno registrare i vari tornei quali MiniIpt, PowerPoker Championship, Shark&Tiger e affini. 

 

chips su tavolo
La voglia di poker live in Italia è tanta

 

Organizzazioni che devono migrare, il più delle volte, fuori nazione per poter offrire tale tipo di torneo a buy-in ridotto rispetto a quelli offerti dai nostri casinò. C’è quindi una relativa perdita di introiti per il nostro paese. E con grossa difficoltà dei rounders italiani, costretti a spese di viaggio e alloggio fuori dal comune.

 

Viene normale da chiedersi: possibile che nessun operatore commerciale del settore si renda conto del potenziale del poker live in Italia? Evidentemente il conflitto di interessi con la versione web è troppo forte per quelle società che già operano in nel mercato del virtuale. Mentre le rogne burocratiche sarebbero tali da scoraggiare eventuali nuovi investitori che volessero puntare sul live.

 

Niente di nuovo sotto il sole. Questo 2010 si chiude tristemente per il poker live e per il 2011 non si intravede un minimo raggio di sole. Resterà una speranza ancora a lungo disattesa quella di tornare a giocare nei circoli per pochi euro e per il piacere di stare in compagnia di gente con una passione comune. Ma siamo in Italia e non c’è da meravigliarsene.

 

 

Roberto ‘Ronnie Rosenthal’ Sorrentino
ronnie@pokeritaliaweb.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Comparatore Poker

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: Bonus del 300% fino ad un massimo di €1200

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: 20€ subito e un bonus del 300% fino a  €1.091 

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: 300% fino a  €1.050 + €7 in Token e € 15 per altri giochi 

Senza deposito: €8 Gratis

Con deposito: Bonus del 100% fino a €1500 codice bonus SUPER15

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: Bonus del 100% fino a €1000 +5€ in Tickets +25 Free Spin