Il Regno Unito blocca il nuovo spot “sensuale” di 888 Poker

Nel campo della pubblicità non è tutto concesso e 888 questo lo ha imparato a sue spese, infatti in UK la Advertising Standards Authority (ASA) ha bloccato il nuovo spot di 888Poker perché, secondo le accuse, relaziona il gioco con il successo sessuale.

Nel campo della pubblicità non è tutto concesso e 888 questo lo ha imparato a sue spese, infatti in UK la Advertising Standards Authority (ASA) ha bloccato il nuovo spot di 888Poker perché, secondo le accuse, relaziona il gioco con il successo sessuale.


Secondo quanto appreso dai canali di informazione esteri, la ASA avrebbe bloccato la nuova pubblicità di 888Poker perché nello spot il giocatore interagisce, attraverso la Poker Cam della sala, con un gruppo di tre ragazze in bikini sdraiate sul bordo di una piscina, il tutto condito da una voce fuori campo che incoraggia i giocatori a collegarsi al sito: “Non puoi mai sapere chi potresti incontrare ad un tavolo Poker Cam”.

La denuncia è partita da un anonimo spettatore che si è chiesto che cosa avesse a che fare il gioco del poker con l'abilità sessuale. La replica di 888Poker non si è fatta attendere, infatti la società ha detto che lo spot si concentra a sottolineare l'aspetto sociale e di quanto sia facile interagire con le persone, grazie alle telecamere fornite con il software.

Anche se l'ASA ha ammesso che l'obiettivo di 888Poker era quello di sottolineare quanto fosse facile e versatile interagire con le altri giocatori mediante l'utilizzo delle telecamere, ha però affermato che la la voce fuori campo non implica nessuna relazione con le persone collegate dall'altra parte della webca,. ASA ha deciso, quindi, di vietare la messa in onda di tale pubblicità nella sua forma attuale.

888 non è nuova a questo tipo di scandali, infatti negli ultimi 2 anni ASA ha bloccato ben quattro spot della poker room, anche se per motivi differenti da quello citato sopra. ASA in questo periodo ha il suo bel da fare con il controllo delle pubblicità, infatti poco tempo fa un altro colosso del gioco e delle scommesse online, William Hill, è stato citato da Coral, ma in questo caso la Advertising Standards Authority ha affermato che la pubblicità non era ingannevole come ha cercato di dimostrare Coral.

Seguici sui nostri social:
Facebook
Twitter
Youtube
Instagram
SOCIALICON

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri social
Facebook
Twitter
Youtube
Instagram
SOCIALICON
© 2024 Pokeritaliaweb.org - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Via Cassala 55, 20143, Milano - Tutti i diritti sono riservati - info@pokeritaliaweb.org