Matteo Renzi: basta con la demagogia sul gioco d’azzardo, al via la gara per 15.000 punti gioco e 120 licenze online

Ieri sera il premier Matteo Renzi è intervenuto per specificare meglio la politica del suo governo in riferimento ai giochi d’azzardo legali in Italia. Il premier ha previsto la gara per l’assegnazione di 15 mila punti gioco per il fisico e 120 licenze valide per il gioco online.

Ieri sera il premier Matteo Renzi è intervenuto per specificare meglio la politica del suo governo in riferimento ai giochi d’azzardo legali in Italia. Il premier ha previsto la gara per l’assegnazione di 15 mila punti gioco per il fisico e 120 licenze valide per il gioco online.

 

“Da qualche giorno i deputati cinque stelle quando non inseguono scie chimiche o non riflettono sui complotti americani dallo sbarco sulla Luna all’11 settembre (non scherzo, purtroppo: alcuni di loro sostengono tesi realmente imbarazzanti) accusano il Governo di favorire la ludopatia (la malattia del gioco incontrollato e maniacale) ovvero di agevolare il gioco d’azzardo e il proliferare di slot machine in tutta la penisola. Al punto tale, di accusare il governo, di avere l’intenzione di mettere a gara ventiduemila licenze per i giochi.

 

Non entro nel merito della battaglia antiludopatia che insieme ad altri stiamo facendo da molto tempo. Mi limito alla realtà. Ventiduemila sono, più o meno, i punti gioco aperti oggi (non tutti regolari, al momento). Con il nostro governo saranno ridotti a quindicimila. E segnatamente i bar con le macchinette verranno ridotti: da seimila potranno essere al massimo mille. La verità, dunque, è semplice: noi stiamo riducendo i punti gioco in Italia e combattendo così l’azzardo. Chi dice il contrario mente. E non è che se lo dice il Blog dell’Elevato (Beppe Grillo) diventa vero. La realtà è più forte delle balle a cinque stelle”

 

Ricordiamo che in parlamento sono presenti ben 5 proposte di leggere per ridurre o vietare del tutto la pubblcità dei giochi d’azzardo con vincita in denaro e che tutto il mondo del gioco online si oppone a questa scelta che se approvata favorirebbe esclusivamente il gioco illegale e il proliferare di nuove slot machine in Italia, oltre a riportare il gioco legale in Italia indietro di 10 anni.

 

E’ bene ricordare che non esiste in nessuna nazione Europea dove il gioco e’ legale il divieto alla pubblcità del gioco d’azzardo, ma è regolamentato e sopratutto si fanno molte campagne nazionali informative sui problemi che possono sorgere quando si gioca troppo (ludopatia). Si ad una regolamentazione, no al divieto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perderti le ultime notizie da Poker Italia Web
© 2024 Pokeritaliaweb.org - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Via Cassala 55, 20143, Milano - Tutti i diritti sono riservati - info@pokeritaliaweb.org