Poker e Risate: quanti poker players giocano a poker online con account di altri giocatori?

Non in tutti gli stati americani si è potuto tornare a giocare online dopo il black friday, ma questo non ha di certo frenato il poker pro Stephen Reynolds conosciuto online con il nick di SizzlinBetta, che ha pubblicamente dichiarato di aver giocato con account di altri giocatori.

Non in tutti gli stati americani si è potuto tornare a giocare online dopo il black friday, ma questo non ha di certo frenato il poker pro Stephen Reynolds conosciuto online con il nick di SizzlinBetta, che ha pubblicamente dichiarato di aver giocato con account di altri giocatori.

 

Considerato uno dei più forti player al mondo nei sit and go, vanta oltre due milioni di guadagni online. In seguito al black Friday  Reynolds si è trasferito tre mesi e mezzo in Messico ed un mese e mezzo in Canada per poter proseguire regolarmente la sua carriera. All’inizio del 2012 torna negli Stati Uniti e riprende a giocare online utilizzando semplicemente un VPN  (virtual private network) un sistema che fa passare la propria connessione internet attraverso un altro server localizzato al di fuori degli USA, aggirando di fatto il blocco imposto dall’America.


Stephen ReynoldsHa provato questo trucchetto anche su Pokerstars, che però l’ha rapidamente scoperto e bannato a vita dalla propria room.Non pago del risultato ottenuto, Reynolds ammette candidamente di aver avuto sul suo libro paga un paio di ragazzi che per 12mila dollari l’anno più una percentuale per ogni prelievo, gli prestavano un regolare account europeo per poter giocare e prelevare in maniera del tutto indisturbata, anche giocando dagli USA. Una cosa non mi è del tutto chiara: dato che oggettivamente quella perpetuata da SizzlinBetta è una pratica chiaramente del tutto illegale, perché divulgarla pubblicamente ad un noto giornale online americano?

Il problema della sicurezza legata al gioco è una questione sempre importante ed attuale. Due donne italiane sono state segnalate alla Procura della Repubblica di Rimini per aver clonato una carta di credito. Fin qui nulla di strano, se non fosse che le due donne hanno usato la carta clonata per effettuare un deposito su una poker room italiana per farsi qualche partitina. Partita sicuramente fruttuosa, visto che poi le due donne hanno deciso di fare cash out, indirizzandosi le vincite sul proprio conto corrente come se nulla fosse! Easy game per la polizia rintracciarle, partendo dalla transazione della carta clonata. Tanto fatica ed ingegno per clonare una carta di credito e poi si fanno beccare come due novelline! Evidentemente è finita presta la loro good run!

Marco Zanini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perderti le ultime notizie da Poker Italia Web
© 2024 Pokeritaliaweb.org - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Via Cassala 55, 20143, Milano - Tutti i diritti sono riservati - info@pokeritaliaweb.org