Poker e Risate: e se alle World Series of Poker spuntasse il duo Lederer-Ferguson?

Il giro del mondo in tre notizie. Si parte dagli Stati Uniti dove si paventa la possibilità di rivedere in azione Lederer e Ferguson, alla Tasmania dove un giovane scoprirà a sue spese quanto sia pericoloso giocare in casa, alla TV israeliana dove poker e donne la fanno sempre da padrone.

Il giro del mondo in tre notizie. Si parte dagli Stati Uniti dove si paventa la possibilità di rivedere in azione Lederer e Ferguson, alla Tasmania dove un giovane scoprirà a sue spese quanto sia pericoloso giocare in casa, alla TV israeliana dove poker e donne la fanno sempre da padrone.

 

Cosa potrebbe succedere alle prossime WSOP se la premiata coppia Howard Lederer/Chris Ferguson si presentasse ai nastri di partenza di qualche evento? Secondo la mia modesta opinione non cose bellissime, date retta a me! La notizia ovviamente non è ufficiale, ma è già da qualche settimana che sui principali forum americani si rumoreggia di un prossimo ritorno sulle scene mondiali sia di “Jesus” che del “Prufesur”. E dai commenti letti non è che il duo dell’ex Full Tilt stia riscuotendo molto successo.

C’è chi come Jesse May, popolare commentatore di poker, nonostante tenga a precisare che lui per primo non nutre più nessun tipo di fiducia nella coppia, non ci vedrebbe nulla di strano se si dovessero presentare ai tavoli del Rio in occasione delle prossime WSOP, in quanto da un punto di vista prettamente legale non sono mai stati condannati di nulla. Invece Lee Davy, noto editorialista americano, picchia dura dicendo che hanno tradito tutta la fiducia dei giocatori di poker di tutto il mondo, riportando l’intero movimento indietro di 20 anni da un punto di vista di impatto sociale.

Secondo me Lederer e Ferguson pensano di aver archiviato la pratica Full Tilt nel momento in cui sono iniziati i rimborsi ai giocatori americani, ma credo che sarebbe un grave errore per loro presentarsi come se nulla fosse alle prossime WSOP, perché se loro pensano che la community mondiale ci abbia messo una pietra sopra, dovranno stare molto Chris Fergusonattenti che la stessa community mondiale la pietra non gliela metta in faccia!

Passiamo ora ad argomenti più divertenti, lasciando gli Stati Uniti per la Tasmania. Per tutti quelli che non lo sapessero la Tasmania è uno stato dell’Oceania, 250 chilometri a sud dell’Australia. La capitale Hobart conta circa 200mila abitanti, quasi la metà dell’intera nazione. Colonizzata dagli europei a partire dall’inizio dell‘800 era usata principalmente come gigantesca prigione a cielo aperto. Venivano infatti li esiliati tutti i malfattori australiani. Quindi possiamo presumere che le basi sociali sviluppatesi in seguito all’invasione europea non si possano definire solidissime…

Tornando ai giorni nostri, David Desmond Bowen un ragazzo tasmano, probabilmente annoiato dalle scarse attrattive del posto ha deciso di organizzare a casa sua una partita di poker, senza far pagare rake, quindi per il solo scopo di puro divertimento. Ha deciso di creare a tal fine un evento pubblico su Facebook. Ben 25 tasmani hanno accettato il suo invito recandosi a casa sua per giocare un torneo da 150 dollari australiani. Il tutto, ripeto di nuovo, senza far pagare nessuna rake, quindi senza il minimo scopo di lucro.

La severissima polizia tasmana è venuta a conoscenza della partita ed è subito repentinamente intervenuta, arrestando il padrone di casa accusandolo di gioco d’azzardo illegale. Bowen, su consiglio del suo legale, si è dichiarato colpevole, cavandosela solo con un severo ammonimento e nulla più. La dichiarazione ufficiale dei gendarmi locali è stata quella di aver voluto educare tutta la comunità su ciò che la legge concerne per quanto riguarda il gioco. Esattamente come quando a poker cash game fai un call educativo al river con K carta alta!

Dalla Tasmania ad Israele, dove la tv locale ha mandato in onda uno spot con protagonista Bar Refaeli, supermodella israeliana, una delle più belle nonché più pagate al mondo. Nello spot si vede un pupazzo del popolare Muppet Show che ha fantasie sessuali sulla Refaeli. E qui si toccano i grandi classici della banalità erotica: dal sexy car wash, dove la modella taglia 36 lava un auto in maniera provocatoria, ad una vasca idromassaggio piena di doppi sensi ed infine un classico strip poker dove il malcapitato Muppet perde tutto e deve levarsi le mutande davanti a ben tre Bar Refaeli esultanti. Il tutto per pubblicizzare la suddetta mutanda!

Lo spot è stato considerato secondo l’autorità competente troppo hot e relegato pertanto la sua trasmissione solo in seconda fascia dopo le 22. Anche la pubblicità degli slip usa il poker e le belle donne per pubblicizzare il proprio brand. Certe cattive abitudini sono dure a morire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perderti le ultime notizie da Poker Italia Web
© 2024 Pokeritaliaweb.org - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Via Cassala 55, 20143, Milano - Tutti i diritti sono riservati - info@pokeritaliaweb.org