Poker: Le teorie di Harrington sono ancora moderne?

Dan Harrington è uno dei miti viventi del poker mondiale. Vincitore del Main Event alle Wsop del 1995 e finalista nell’87 e nel 2003, è famoso sopratutto per essere l’autore di tre importanti libri sul poker.

Home » Poker Live » Editoriali » Poker: Le teorie di Harrington sono ancora moderne?

Dan Harrington è uno dei miti viventi del poker mondiale. Vincitore del Main Event alle Wsop del 1995 e finalista nell’87 e nel 2003, è famoso sopratutto per essere l’autore di tre importanti libri sul poker.

 

 

 

Dan Harrington nasce come giocatore di scacchi e backgammon, del quale è stato anche Campione del Mondo, per poi passare al poker. S’è affermato quasi subito in questa, per lui nuova specialità con il 6th posto alle WSOP del 1987.
 

Ma ‘Action’ Dan, così soprannominato, in modo ironico per il suo modo di giocare molto accorto e compassato, è sopratutto noto per essere autore di alcuni dei testi più letti in assoluto sulle teorie del poker Texas hold’em.

 

Harrington spiega nei suoi libri come giocare un torneo multitavolo dalle prime mani fino al tavolo finale, passando per i livelli più avanzati. Analizza passo passo il gioco di posizione, le starting hands ideali, le mosse, le puntate bilanciate e i bluff.

 

 

copertina di Harringotn on Hold'em Vol. I

Harringotn on Hold’em Vol. I

 

Particolarmente celebre ed apprezzato il suo valore M, che indica il numero di giri di tavolo che uno short stack può ancora affrontare prima di essere letteralmente dissanguato dai bui. Il primo libro di Harrington, scritto in collaborazione con Bill Robertie, così come tutti gli altri libri di cui si è reso autore il popolare giocatore, è considerato da molti “la Bibbia del Poker” in quanto contiene nozioni di approccio al gioco spiegate in maniera chiara e coincisa, tali da essere preziose per chi si avvicina per la prima volta al poker alla texana.

 

Ma col passare del tempo e l’evoluzione del gioco, sopratutto con il boom del poker online, i libri di Harrington hanno ancora una valenza pratica rilevante?

 

E’ quello che si è chiesto un utente del nostro PokerItaliaForum, precisamente DungaAA, che spiega che un grande giocatore italiano, nonché apprezzato commentatore e autore di autorevoli articoli di strategia sul poker, Flavio Ferrari Zumbini, giudica i testi dello statunitense ormai superati e non adatti al modo di giocare dei più giovani players moderni.

 

 

zumbini.jpg

Flavio Ferrari Zumbini al tavolo delle WSOP

 

Sicuramente il punto di vista di Zumbini, al quale tutti riconoscono la validità dei suoi commenti, è condivisibile riguardo specificatamente il poker online. I testi di Harrington, sebbene a volte specifichino in alcuni esempi o esercizi, che sono applicabili anche al gioco telematico, non rendono sicuramente al meglio per quest’ultima variante di poker, decisamente cresciuta oltre ogni aspettativa negli ultimi anni.

 

L’attuale generazione di pokeristi ha un approccio del tutto differente al gioco, che si sviluppa in maniera molto più veloce. L’aggressione diventa così un arma fondamentale che, usata bene ed in modo adeguato, dà grossi vantaggi sin dalle prima battute di un torneo. Ma il primo libro di Dan è stato pubblicato nel 2005 ed è impensabile che in soli 5 anni le basi di un gioco, che negli USA si pratica dagli anni settanta, possano cambiare in maniera così radicale.

 

Quindi, secondo il mio modesto parere, i libri di Dan Harrington restano un ottimo inizio, tanto per chi si affaccia al poker per la prima volta (Vol. I) quanto per chi ha bisogno di ulteriori indicazioni su come affrontare un torneo di poker multitavolo (Vol. II e III).

 

 

Dan Harrignton al tavolo delle series del 2009

Dan Harrignton al tavolo delle WSOP

 

Personalmente il primo testo di Harrington è il mio primo libro di teoria sul poker acquistato e letto, e considero tali volumi, tutti i tre della collezione, immancabili per un qualsiasi appassionato di poker texas hold’em. Oltretutto quelle poche volte che ho giocato live, le teorie descritte dal Campione del Mondo del ’95, mi hanno aiutato non poco nel raggiungere l’obiettivo minimo che mi ero prefissato.

 

L’approccio al gioco indicato da Harrington è sicuramente molto tight, ma per chi non ha ulteriori frecce al suo arco è un suggerimento di tattica di gioco ideale.

 

 

Roberto ‘Ronnie Rosenthal’ Sorrentino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Comparatore Poker

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: Bonus del 300% fino ad un massimo di €1200

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: 20€ subito e un bonus del 300% fino a  €1.091 

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: 300% fino a  €1.050 + €7 in Token e € 15 per altri giochi 

Senza deposito: €8 Gratis

Con deposito: Bonus del 100% fino a €1500 codice bonus SUPER15

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: Bonus del 100% fino a €1000 +5€ in Tickets +25 Free Spin