L’importanza del rapporto fra stack e piatto nel poker cash

Parliamo della grande importanza che assume il rapporto fra stack e piatto nel no limit quando si gioca a poker cash. Il rapporto stack-piatto, può essere calcolato in un piatto in cui si è rimasti heads up, dividendo lo stack reale per il valore del pot prima che si sia puntato sul flop.

Parliamo della grande importanza che assume il rapporto fra stack e piatto nel no limit quando si gioca a poker cash. Il rapporto stack-piatto, può essere calcolato in un piatto in cui si è rimasti heads up, dividendo lo stack reale per il valore del pot prima che si sia puntato sul flop.

    

Es. Nl200 il bottone ha stack 250 e rilancia fino a 4, il big blind con stack 135 chiama. 135 (stack più piccolo)/9 (ammontare del piatto)= 15. L’RSP si traduce in uno strumento che ti consente di calcolare preventivamente implied e reverse implied odds. Come dire che conosciamo preventivamente tuttu i rischi e i benefici del finire ai resti con una determinata mano.

Se per esempio decidiamo di aprire con K-Q veniamo chiamati dal BB e il flop è K-T-T:

  • Con un RSP molto basso per esempio vicino al 2 perché abbiamo uno stack di 40$ su un piatto di 20$, saremo sempre committati a prescindere dalla tipologia di azione che si sviluppa.
  • Se il piatto è ancora di 20$ ma abbiamo uno stack di 400$ con RSP quindi pari a 20, non ci sono grosse possibilità che in una situazione normale, finendo ai resti, la nostra mano sia vincente.

Il calcolo dell’RSP non è uno strumento che indirizza in modo univoco le nostre giocate, e per questo non è necessario calcolarlo al centesimo, ma è un elemento da miscelare con le altre informazioni che abbiamo sui nostri avversari per poter pianificare preventivamente il nostro gioco post-flop. La tipologia di avversario naturalmente può modificare completamente il nostro piano di commitment in relazione all’RSP, ma noi sapremo dal principio qual’é l’RSP che dobbiamo avere per sentirci committati contro un determinato player in uno specifico spot.

Tradotto in mani giocate questo può significare che contro un giocatore maniac potremmo tranquillamente sentirci ben contenti di spingere tutti i nostri resti con top pair e buon kicker con RSP pari a 8, mentre folderemo certamente contro un player nitty con cui abbiamo capito che per essere committati abbiamo bisogno di RSP pari a 1.

Vuoi iscriverti a PokerItalia School? Compila il questionario che trovi a questo link, e se selezionato potrai iniziare a frequentare la poker school piu’ esclusiva della rete.

Seguici sui nostri social:
Facebook
Twitter
Youtube
Instagram
SOCIALICON

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri social
Facebook
Twitter
Youtube
Instagram
SOCIALICON
© 2024 Pokeritaliaweb.org - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Via Cassala 55, 20143, Milano - Tutti i diritti sono riservati - info@pokeritaliaweb.org