WSOP: gli Stati Uniti dominano con 842 braccialetti, l’Italia sale a 6!

Dopo la fine delle World Series of Poker 2012 di Las Vegas, resta soltanto da giocare il final table del Main Event ad ottobre, l'Italia guadagna un paio di posizioni nella speciale classifica che tiene conto del numero di braccialetti vinti alle WSOP.

Dopo la fine delle World Series of Poker 2012 di Las Vegas, resta soltanto da giocare il final table del Main Event ad ottobre, l'Italia guadagna un paio di posizioni nella speciale classifica che tiene conto del numero di braccialetti vinti alle WSOP.


Per gli azzurri diventano sei i titoli conquistati, grazie alla splendida vittoria centrata dal bravissimo Rocco 'RoccoGe' Palumbo. Il pro del team Winga Poker ha trionfato nel $1.000 No Limit Hold'em (Evento 44) portandosi a casa anche i 464.464 dollari dollari del primo premio. Gli altri azzurri che hanno vinto il braccialetto, nelle 43 edizioni delle WSOP, sono Max Pescatori (2 titoli), Dario Alioto, Valter Farina e Dario Minieri.

Va detto che la classifica non tiene conto dei braccialetti vinti dall'italo-australiano Jeff Lisandro che sono ben cinque. Se lo considerassimo dei nostri infatti gli azzurri si porterebbe a ben 11 titoli vinti, superando cosi Danimarca, Russia e Francia salendo in 6a posizione. In tutto sono 33 le nazioni che hanno vinto almeno un braccialetto con gli Stati Uniti d'America che continuano a volare.

Dopo l'edizione del 2012, infatti, sono ben 842 gli americani ad aver vinto il braccialetto. Tra questi il fenomenale Phil 'The Poker Brat' Hellmuth che ha conquistato il suo 12esimo braccialetto trionfando nel $2.500 Seven Card Razz (Evento 18). Tanti i campioni statunitensi che possono vantare un titolo WSOP, tra gli altri anche Brian Rast, Ben Lamb, Joe Ebanks, Allen Bari, Owais Ahmed, Foster Hays, Samuel Stein, Sean Getzwiller, Andy Frankenberger, Amir Lehavot, James Hess, Arkady Tsinis, Geffrey Klein, Jason Somerville, Markus Schmid, Kenneth Griffin, Eric Rodawig, John Juanda, Nick Binger, Mitch Schock, David Diaz, Andrew Badecker, Matt Matros, John Edward Monnette e Jason Mercier.

In classifica salgono anche Canada che adesso annovera 31 titoli, Inghilterra, Germania e Francia. Tra le curiosità troviamo l'Afghanistan con due titoli vinti, grazie a Sherkhan Farnood e Qushqar Morad, ed il Costa Rica che può scherare tra le sue fila un campione del poker live del calibro di Humberto Brenes con due braccialetti già vinti. New entry per la Repubblica Ceca che con Tomas Junek vince il suo primo braccialetto nel $1.500 No Limit Hold'em (Evento 56).

WSOP Titles

  1. Stati Uniti – 842
  2. Canada – 31
  3. Inghilterra – 26
  4. Germania – 14
  5. Francia – 10
  6. Russia – 8
  7. Danimarca – 7
  8. Italia – 6
  9. Svezia – 6
  10. Australia – 6
  11. Olanda – 4
  12. Messico – 4
  13. Irlanda – 4
  14. Ucraina – 3
  15. Ungheria – 3
  16. Israele – 3
  17. Thailandia – 2
  18. Belgio – 2
  19. Costa Rica – 2
  20. Afghanistan – 2
  21. Brasile – 2
  22. Spagna – 2
  23. Finlandia – 2
  24. Norvegia – 2
  25. Iran – 1
  26. Nuova Zelanda – 1
  27. Galles – 1
  28. Giappone – 1
  29. Bielorussia – 1
  30. Cina – 1
  31. Austria – 1
  32. Svizzera – 1
  33. Repubblica Ceca – 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perderti le ultime notizie da Poker Italia Web
Comparatore Poker

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: 20€ subito e un bonus del 300% fino a  €1.091 

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: Bonus del 300% fino ad un massimo di €1200

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: 300% fino a €1.050 + €5 in Token

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito:Bonus primo deposito fino a 500€

Senza deposito: 100€ + 100 Free Spin


Con deposito: bonus del 300% fino a €1.500

Senza deposito: Nessuna Promo


Con deposito: Bonus del 100% fino a €300

© 2024 Pokeritaliaweb.org - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Via Cassala 55, 20143, Milano - Tutti i diritti sono riservati - info@pokeritaliaweb.org