Tribunale di Lecce: il poker live non è un gioco d’azzardo!

Finalmente un pò di chiarezza sul poker live grazie ad una sentenza emessa qualche giorno fa dal Dott. Fabrizio Malagnino, della Seconda Sezione Penale del Tribunale di Lecce, che ha deliberato che il texas hold'em non è un gioco d'azzardo.

Home » Poker Live » Poker Italia » Tribunale di Lecce: il poker live non è un gioco d’azzardo!

Finalmente un pò di chiarezza sul poker live grazie ad una sentenza emessa qualche giorno fa dal Dott. Fabrizio Malagnino, della Seconda Sezione Penale del Tribunale di Lecce, che ha deliberato che il texas hold'em non è un gioco d'azzardo.


E' stata quindi ribaltata la prima accusa formulata ai danni di Antonio Zambrini, titolare del circolo “Salento Hold’ em Poker Club” di Lecce. Il pubblico ministero aveva infatti chiesto per l'imputato una pesante pena che prevedeva tre mesi di galera ed un'ammenda da 500 euro, per aver organizzato eventi che prevedevano giochi d'azzardo. Il giudice Fabrizio Malagnino ha invece ribaltato tutto, affermando che il reato non sussiste in quanto il poker live nella modalità torneo non è un gioco d’azzardo e che quindi giocare il texas hold'em nei circoli non costituisce reato.

Nella sentenza si evince che senza una regolamentazione del settore non si compie reato se si organizza un evento dove “i partecipanti versano una quota di iscrizione (in questo caso di 30 euro) e la possibile vincita viene costituita da un premio in natura (nel caso specifico un viaggio per due persone)“. La decisione del giudice è stata accompagnata da uno specifico e dettagliato trattato sul texas hold'em in cui dimostra che i partecipanti “non possono utilizzare il proprio denaro per effettuare puntate ma sono dotati di un monte gettoni (dal valore puramente nominale) di partenza uguale per tutti“.

Lo scopo del gioco è riuscire ad accumulare tutti i gettoni in gioco e l'esito della vittoria finale è remunerato con un premio generalemente in natura“, motivo per cui, la corte ha concluso che non sussiste qualsivoglia elemento costituitivo del gioco d'azzardo. Inoltre va ricordato che la Suprema Corte ha affermato recentemente, che “al di là della (comunque in questo caso insussistente) contravvenzione in materia d'azzardo, la pratica abusiva del poker live nella variante texas hold'em senza concessione non integra alcuna ipotesi di reato“.

Per tutte queste motivazioni la corte ha deciso di assolvere a pieno il signor Antonio Zambrini in quanto il fatto non sussite. Tutti gli appassionati hanno accolto con grande gioia la sentenza, apprezzando l'enorme lavoro effettuato dal dott. Fabrizio Malagnino che si è espresso, in un momento di caos generale, in modo ampiamente esaustivo, professionale ed umano, formulando un giudizio coerente e soprattutto corretto.

La domanda che adesso si pongono tutti gli amanti del poker live è la seguente: questa sentenza può fare giurisprudenza? La risposta agli esperti, intanto riportiamo con piacere questa sentenza del Tribunale di Lecce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Comparatore Poker

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: Bonus del 300% fino ad un massimo di €1200

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: 20€ subito e un bonus del 300% fino a  €1.091 

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: 300% fino a  €1.050 + €7 in Token e € 15 per altri giochi 

Senza deposito: €8 Gratis

Con deposito: Bonus del 100% fino a €1500 codice bonus SUPER15

Senza deposito: Nessuna Promo

Con deposito: Bonus del 100% fino a €1000 +5€ in Tickets +25 Free Spin