Poker e bankroll: su Men’s Health una guida scritta da Max Pescatori

Sul magazine “Men's Health” viene proposto un interessante articolo scritto dal capitano di GDPoker Max Pescatori. Alcuni punti, in cui il pro arancione dà i suoi consigli su come divertirsi a poker, senza però andare ad erodere il proprio bankroll.

Sul magazine “Men's Health” viene proposto un interessante articolo scritto dal capitano di GDPoker Max Pescatori. Alcuni punti, in cui il pro arancione dà i suoi consigli su come divertirsi a poker, senza però andare ad erodere il proprio bankroll.

 

Apprendiamo dal blog di GDPoker, che la rivista “Men's Health” ha pubblicato alcuni pensieri di Max Pescatori su come divertirsi giocando a poker, mantenendo però intatto il bankroll. Ecco cosa si legge sul magazine di questo mese:

 

Fissa il tuo bankroll
Il bankroll è il 'capitale' che hai a disposizione e che usi solo ed esclusivamente per il gioco. Non serve che tu sia milionario per giocare seriamente o per divertimento: ci sono tornei per i quali il 'buy-in' (la quota di iscrizione) è anche di 1, 2 o 5 euro: ti iscrivi, ti danno un ammontare di chips in base alla struttura del torneo e se le hai perse tutte esci dal torneo avendo speso solo i soldi dell'iscrizione“.

 

Tieni separato il bankroll dalle spese
L'importante è che il tuo bankroll rimanga sempre separato dalle altre spese della tua vita: se decidi di dedicare 50 euro al mese al poker, che tu vinca o che tu perda non usare quei soldi per altre spese e non ricaricare il tuo bankroll con altro denaro, altrimenti non potrai mai renderti conto appieno delle tue qualità di giocatore. Se non sei sicuro di tener fede ai tuoi propositi, nelle poker room che hanno licenza AAMS ci sono dei meccanismi per limitare le ricariche a una cifra prestabilita“.

 

Non spendere i soldi delle vincite

“L'errore più grave che puoi commettere è quello di spendere domani ciò che hai vinto oggi. I soldi vinti devono sempre rientrare nel bankroll, ovvero nel 'capitale' che hai a disposizione per giocare. Prova a pensare: hai un bankroll di 100, ne vinci 30 e vai subito a festeggiare con gli amici spendendone 20, e poi il giorno dopo ti capita di perderne altri 20. Psicologicamente ti senti un perdente, perché il tuo bankroll è andato sotto, quando invece non lo sei”.

 

Max PescatoriFissa delle scadenze
“Le vincite sono fatte per essere spese, ma devi essere bravo a darti delle scadenze e delle percentuali. Per esempio: ogni fine mese fai i conti e calcola se e quanto hai guadagnato rispetto al tuo bankroll iniziale. Se non sei un giocatore professionista, puoi anche prelevare il 50% delle vincite per toglierti qualche sfizio e lasciare l'altra metà a incrementare il tuo bankroll. Dopo un anno fai i conti su quanto hai vinto, quanto hai prelevato dalle vincite e di quanto hai incrementato il tuo bankroll iniziale: solo così potrai decidere se passare a tavoli di livello superiore dove ci sono payout (montepremi) più appetitosi ma anche giocatori più competitivi“.

 

Non giocare mai tornei con un buy-in superiore al 2% del tuo bankroll
Il buy-in è il costo di iscrizione a un torneo, e ti permette di avere un certo numero di chips da giocare. Costituisce anche la massima cifra che puoi perdere: se esaurisci tutte le chips, esci dal gioco e non puoi più rientrare, perdendo quindi solo i soldi dell'iscrizione. Il mio consiglio è di non entrare mai in tornei il cui buy-in è superiore al 2% del tuo bankroll: se hai 500 euro di bankroll quindi il massimo buy-in che ti devi permettere è 10 euro. Ma se sei alle prime armi, parti da tornei il cui buy-in è l'1% del tuo bankroll (nell'esempio precedente 5 euro). La stessa percentuale del 2% la terrei come limite anche per le partite cash game, quelli in cui le chips sono soldi veri e puoi alzarti dal tavolo in ogni momento, portandoti via la cifra che hai eventualmente vinto“.

 

Parti dal basso
Per capire il tuo livello di abilità è la scelta migliore, la stessa che fanno spesso molti professionisti che si divertono a partire con bankroll limitati anche a 100 euro, e partecipano a tornei con buy-in di 1 o 2 euro per dimostrare come ci si possa divertire e vincere somme tali da incrementare il proprio gruzzolo anche senza avere grossi capitali iniziali. Partire dal basso ti aiuta anche a rimanere umile davanti alle vittorie e a non abbatterti per le sconfitte: nel poker ci sono molte variabili e non tutte – la fortuna e la bravura delle persone che incontri al tavolo per esempio – sono sempre controllabili“.

 

La breve guida scritta da Max Pescatori per “Men's Health”, può non aggiungere nulla a quello che già sanno molti dei giocatori che frequentano i siti di poker, ma ricordiamoci che la maggioranza delle persone che acquistano la rivista o che accedono quotidianamente al sito internet di “Men's Health” non sanno praticamente nulla di poker.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perderti le ultime notizie da Poker Italia Web
© 2024 Pokeritaliaweb.org - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Via Cassala 55, 20143, Milano - Tutti i diritti sono riservati - info@pokeritaliaweb.org