Dietrofront del Tesoro, sospesa la ritenuta del 20% sui bonifici bancari provenienti dall’estero

Dopo nemmeno venti giorni dalla sua approvazione il ministero dell’Economia annulla la normativa che imponeva alle banche di applicare, alle persone fisiche, la ritenuta del 20% sui bonifici in arrivo dall’estero. Lo stop è stato ufficializzato con un comunicato stampa.

Dopo nemmeno venti giorni dalla sua approvazione il ministero dell’Economia annulla la normativa che imponeva alle banche di applicare, alle persone fisiche, la ritenuta del 20% sui bonifici in arrivo dall’estero. Lo stop è stato ufficializzato con un comunicato stampa.

 

A causa del grande clamore e delle tante polemiche il Governo italiano ha deciso di mettere fine, almeno per il momento, alla normativa che dal primo febbraio prevedeva una maxi ritenuta automatica del 20% sui bonifici provenienti dall’estero.

Un provvedimento già eseguito dell’agenzia delle Entrate che ha disposto anche che “gli acconti eventualmente già trattenuti da intermediari finanziari sulla base della norma in oggetto saranno rimessi a disposizione degli interessati“.

Diversi i motivi scatenanti di questo, per certi versi, strano dietrofront del ministero dell’Economia, tra gli altri l’intervento della Comunità Europea che aveva minacciato un esame profondo sulla legittimità di una tale misura preventiva e la denuncia di abuso di potere lanciata dalle associazioni di consumatori Adusbef e Federconsumatori attraverso una Tesoro sospende normativa sui bonificipetizione online che in pochissimi giorni aveva già raccolto migliaia di firme.

Non solo… la normativa stessa infatti risulterebbe inadeguata e oramai superata grazie alla collaborazione internazionale sulla lotta all’evasione fiscale cross-border. Una sorta di modello intergovernativo (Iga), nato per lo scambio di informazioni tra Paesi, che permeterebbe al ministero dell’Economia di registrare informazioni automatiche sui redditi di fonte estera dei residenti italiani.

 

Ecco il testo integrale del comunicato rilasciato dall’ufficio stampa del Ministero dell’Economia e delle Finanze:

 

Stop alla ritenuta automatica del 20% sui flussi finanziari dall’estero

 

“Su richiesta del Ministro dell’Economia e delle Finanze, è stato assunto in data odierna un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate che sospende l’operatività della ritenuta del 20 percento sui redditi derivanti da investimenti esteri e dalle attività estere di natura finanziaria applicata automaticamente dagli intermediari finanziari. Gli acconti eventualmente già trattenuti da intermediari finanziari sulla base della norma in oggetto saranno rimessi a disposizione degli interessati dagli stessi intermediari.

L’evoluzione del contesto internazionale in materia di contrasto all’evasione fiscale cross-border, che ha subito una forte accelerazione, attraverso la creazione di un modello di accordo intergovernativo (IGA) per lo scambio di informazioni tra gli USA e gli altri Paesi, fa ritenere ormai superata la disposizione che ha introdotto la predetta ritenuta alla fonte, atteso che le informazioni sui redditi di fonte estera di pertinenza di residenti italiani saranno disponibili attraverso il canale dello scambio automatico multilaterale di informazioni.

Tale modello ha costituito la base per la nascita di un sistema automatico di scambio di informazioni multilaterale tra Paesi (Common Reporting Standard), presentato dall’OCSE nel gennaio scorso, e sottoposto all’approvazione del meeting del G20 di questo mese di febbraio. Lo scambio di informazioni costituisce il nuovo percorso condiviso per la lotta all’evasione fiscale internazionale.


La disposizione che ha previsto l’obbligo, per gli intermediari residenti, di applicare la ritenuta del 20 percento sui redditi derivanti da investimenti esteri e dalle attività estere di natura finanziaria, è stata originariamente predisposta, nel corso dell’anno 2012, nel quadro delle iniziative di risposta alla richiesta di informazioni della Commissione Europea (caso EU Pilot 171/11/Taxu), relative alla non proporzionalità degli adempimenti e delle sanzioni in materia di monitoraggio fiscale, rispetto agli obiettivi di contrasto all’evasione perseguiti dall’Italia, attraverso il predetto monitoraggio.

La stessa disposizione è stata introdotta nell’ordinamento soltanto il 6 agosto 2013 con la legge europea n. 97. Contestualmente al provvedimento di sospensione degli effetti della norma, è stata predisposta, per le valutazioni del prossimo Governo – nell’ambito del disegno di legge concernente disposizioni per l’attuazione dell’accordo IGA con gli USA e per l’implementazione del Common Reporting Standard – una norma di abrogazione della ritenuta di cui sopra, ai fini di semplificazione”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perderti le ultime notizie da Poker Italia Web
© 2024 Pokeritaliaweb.org - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Via Cassala 55, 20143, Milano - Tutti i diritti sono riservati - info@pokeritaliaweb.org