Consiglio Regione Lombardia: “Il poker con vincita in denaro non è ammesso nei circoli”

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato, con 59 voti favorevoli, la proposta di legge al Parlamento contenente le misure di contrasto contro il gioco d’azzardo patologico. Tra gli articoli passati anche quello sul poker live che vieta il gioco a soldi veri nei circoli.

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato, con 59 voti favorevoli, la proposta di legge al Parlamento contenente le misure di contrasto contro il gioco d’azzardo patologico. Tra gli articoli passati anche quello sul poker live che vieta il gioco a soldi veri nei circoli.

 

E’ passata la proposta di legge al Parlamento per il contrasto alla ludopatia e la razionalizzazione dei punti di rivendita di gioco pubblico che contiene, nel suo articolo 5, un punto destinato al gioco del poker live e alla possibilità di mettere in palio somme di denaro. Per il Consiglio regionale della Lombardia “il gioco del poker con vincita in denaro, in tutte le sue varianti, non è ammesso all’interno dei circoli privati“.

Adesso si aspetta l’approvazione nazionale per mettere in atto tutte le nuove misure di contrasto presenti nella proposta di legge contro il gioco d’azzardo patologico che, per il momento, resta comunque priva di validità. Soddisfatto l’assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo di Regione Lombarda che ha subito dichiarato: “Per combattere una piaga sociale gravissima come quella del gioco d’azzardo è necessaria una netta presa di posizione da parte dello Stato a fianco delle Regioni.

Dopo aver approvato alla fine del 2013 la Legge regionale oggi la politica lombarda dimostra ancora una volta di essere capace di superare gli interessi di parte, di fronte a un Poker nei circoli senza premi in denaro?fenomeno in continua crescita e causa, oltre che della rovina di molte persone e delle loro famiglie, di degrado e costi sociali enormi“.

Ancora una volta il poker sportivo finisce quindi nel polverone dei cosiddetti giochi d’azzardo anche se questa volta è chiaro il riferimento al divieto di mettere in palio vincite in denaro. Si presume quindi, come confermato dal Tar della Lombardia qualche giorno fa, che sarà possibile giocare mettendo in palio altre tipologie di premi.

Questo, nel dettaglio, l’articolo riguardate il poker:

Articolo 5 – Contrasto al gioco illegale ed irregolare

1. L’apertura ed attività di soggetti che effettuino la raccolta di gioco attraverso l’utilizzo di CTD (centri trasmissioni dati) con operatori esteri privi di concessione governativa è vietata. Tale divieto vale anche qualora l’attività legata al gioco non sia quella prevalente.

2. Il gioco del poker con vincita in denaro, in tutte le sue varianti, non è ammesso all’interno dei circoli privati.

3. E’ vietato installare apparecchi di intrattenimento ex art. 110 comma 6 del TULPS presso i circoli privati.

4. L’esercizio dell’attività da parte di soggetti che effettuano la trasmissione dati verso operatori di scommesse esteri in possesso di concessione governativa è soggetto al versamento di una fidejussione bancaria o assicurativa a prima richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non perderti le ultime notizie da Poker Italia Web
© 2024 Pokeritaliaweb.org - Piw network srl - Codice Fiscale e Partita IVA: 04450280757 - Numero REA: 292720 - Via Cassala 55, 20143, Milano - Tutti i diritti sono riservati - info@pokeritaliaweb.org